username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Claudia Magnasco

in archivio dal 28 ott 2016

17 ottobre 1973, Sassari - Italia

27 gennaio 2017 alle ore 18:52

La comare invadente

Mi fa visita all'improvviso 
come una comare invadente
che il fato m'ha incollato come lugubre castigo
per chissà quale motivo

Il suo nome è Tormento!

Ed è un’ombra decrepita che col suo nero sfrontato
scuce beffarda la luce armoniosa dei miei suoni
aprendosi un varco per potermi incidere
sinfonie scricchiolanti e traboccanti disprezzo
fino a zittire le mie note allegre

Stridore di denti, musica ribaltata
musica stuprata!

Graffi di artigli della comare viziosa
nemica mia affezionata,
note gioiose che agonizzano dentro 
per poi fracassarsi sulle mie ossa
schiaffeggiate nel grottesco amplesso
delle sinfonie assurde della comare

Poesia, dove sei? Devo solo aspettarti
nel niente o quasi del tempo, vai via Tormento!

Accecato! Da sguardi di bimbo
Stritolato da un abbraccio d’amore
Umiliato nella sua cupidigia
dalla dolcezza delle mie nuove note
Stordito! Da polveri di mille fiori

E l’ho messo di nuovo alla porta
se non per sempre
almeno per quest'altra volta. 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento