username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 07 set 2011

Daniele Verde

24 giugno 1995, Aversa (CE) - Italia

elementi per pagina
elementi per pagina
  • lunedì alle ore 12:49
    My perfect friends

    A te che mi hai fatto scoprire i fiori nella landa,
    a te che mi ricordi quanto è bello ridere,
    a te che ogni volta mi tiri su di morale,
    a te che mi hai insegnato ad essere me stesso,
    a te che mi emozioni con i tuoi abbracci,
    a te che sei un diamante in mezzo agli argenti,
    a te che mi aiuti a superare tutti i miei ostacoli,
    a te che mi hai accolto nel tuo castello di vetro,
    a tutti gli altri che non ho menzionato…

    grazie!

    A voi che mi fate sempre sentire importante,
    a voi che mi apprezzate per ciò che sono,
    a voi che siete i veri amici di cui ho bisogno…

    grazie!

    Vi voglio bene, ve ne ho sempre voluto e ve ne vorrò sempre!

     
  • 17 gennaio alle ore 15:15
    Allegra famiglia

    Nella giungla di pregiudizi mi ero
    perso...dolci ricordi ho rievocato
    grazie a voi; che bello, è tutto vero!

    Un doppio senso, voi avete dato
    alla vita mia: sinceri amici
    siete, il sorriso mai è mancato.

    Con voi trascorro giornate felici,
    e nel mio cuore, qui viene il sole!
    Non fanno male queste cicatrici.

    In voi, io non solo vuote parole
    ho trovato: una guida sicura
    siete, dalla gente che non mi vuole.

    Nessun altro, ormai, di me si cura?
    Guardate con voi quanto sono forte!
    Di essere me stesso, non ho paura.

    Grazie, per avermi aperto le porte!
    A tutti voi voglio bene! Mi avete
    ridato emozioni, che erano morte.

     
  • 08 gennaio alle ore 11:42
    My perfect best friend

    Come comportarmi più non sapevo…
    dal mio telescopio, arrivare
    verso me ti ho visto; a sognare
    tornato ero, ma ancora me temevo.

    A te da quel giorno già ci tenevo:
    sei la stella che mi fa brillare,
    la mia notte resti a illuminare,
    sei l’amica che sempre volevo!

    Via da me tutto il dolore porti,
    i miei sorrisi dimenticati
    sopra il cielo, con te sono risorti.

    I miei colori, li hanno lavati?
    In un dolce abbraccio, tu mi proteggi!
    I tuoi raggi, li hanno salvati.

     
  • 04 dicembre 2017 alle ore 12:58
    Buon compleanno

    Solo, di ricordi, vivendo stavo...
    con te, di fiori una landa desolata
    adesso è ricca, e mai è mancata
    la felicità, che dimenticavo.

    Non c’è nessuno per me? Mi sbagliavo!
    Nella mia triste vita eri entrata,
    ma da lì, tu, non te ne sei andata,
    come quelle persone che ammiravo.

    Con te, sono sempre stato felice
    perché sei unica, e hai aperto
    il mio cuore, che in festa ti dice:

    grazie a te, io non sono più incerto;
    grazie a te, a battere ho ripreso;
    grazie a te, io non ho più sofferto.

     
  • 25 ottobre 2017 alle ore 12:38
    È troppo bello per essere vero?

    Del tuo cuore, il vuoto, cercavi
    di riempire, nella gioia speravi...
    ma poi, come te, hai trovato
    un angelo, in un mondo malato.

    Tu, invece: non ti conosco molto,
    eppure ti ringrazio! Hai colto,
    già, la sincerità di quel sorriso
    stupendo; questo è il vero paradiso!

    Auguro a voi una felice vita
    insieme! Di una mano sulle dita
    si contano, come voi, persone
    che amano, sempre, senza l’illusione.

     
  • 18 ottobre 2017 alle ore 10:12
    Porte aperte

    Sempre una risata, tu porti
    nel cuore: l’unico alleato,
    dove sono già tutti morti.

    Mai mi hai abbandonato;
    nella gioia, e nel dolore,
    per me ci sei sempre stato.

    Di mostrarti, nessun timore
    devi avere! Mai ti lascio
    solo, con il solito errore.

    Grazie per avermi fatto conoscerla!

     
  • 18 settembre 2017 alle ore 15:54
    Mare della tranquillità

    Nell’eterna lotta, tra mente e cuore,
    dai miei demoni ero bloccato…
    ma la tua luce mi ha salvato!
    Grazie, per sempre, amica migliore!

    In un giorno ormai senza calore
    scendesti, verso me, dal cielo stellato:
    il mio sorriso era ritrovato,
    era scomparso, con te, il terrore.

    Non capiscono l’amicizia vera?
    Non sanno quanto tu sei importante,
    come colori una giornata nera…

    D’argento? D’oro? No, tu di diamante
    una persona sei! Nella vita
    mia, rimani, l’unica fra tante.

     
  • 26 maggio 2017 alle ore 9:05
    Perché?

    Per convertire tutti gli infedeli!

    Persone innocenti uccidete…
    la vostra non è religione,
    anche se voi lo credete.

    Per vendicarci delle vostre bombe!

    La guerra non è soluzione,
    mai... solo feriti e morti:
    questa è l’unica conclusione.

    Per godere per sempre in paradiso!

    Sono i desideri distorti
    ad avvelenare la mente.
    Ci saranno, di là, risorti?

     
  • 16 maggio 2017 alle ore 9:12
    Esame di maturità

    L'estate era arrivata... aperto avete
    i miei occhi: grazie a voi, sognare
    mai più devo? Di dubbi in un mare
    sono, nel porto sicuro attendete.

    Amiche vere sempre state siete,
    ma troppo c'è voluto, a imparare
    la trave, nel mio occhio, a guardare...
    in cima alla montagna, rimanete.

    Ancora del fiume avevo paura,
    per disprezzo! Con l'amicizia vostra
    so adesso, nuotare, nell'acqua scura.

    Nel cielo un miracolo, mi si mostra:
    un coro in festa, e angeli danzanti.
    Anima, è la felicità nostra!

     
  • 08 marzo 2017 alle ore 22:14
    Il ciclo dell'Eden

    Quando ormai nessuno mi voleva,
    avete accolto il mio triste cuore
    con un vero sorriso, e il timore
    di rivelarlo, con voi, taceva.

    Finalmente, qualcuno che rideva
    con me, non di me! Ancora l'onore
    di occhi sinceri ho! Il mio errore
    non riporterà il buio che splendeva!

    Vi voglio bene. Mai ricambiare
    posso la vostra amicizia, che festa
    rende ogni giornata, senza una croce.

    Spero che raggiunga, la mia voce,
    la vostra anima...la mente resta
    in attesa di una stella da donare.

     
  • 10 febbraio 2017 alle ore 10:16
    Angelo custode

    Mi ero perso tra le ombre del passato,
    ma la tua luce mi ha salvato
    da me stesso...dei tuoi occhi il sole
    scioglie il ghiaccio, che il mio cuore vuole.

    Sei stata, tu, la prima amica vera
    dopo l’inferno! Da solo, piangevo
    per l’odio, nessuna speranza c’era…
    solo con te, in lacrime, ridevo.

    Sei sempre stata per me importante
    e non voglio perderti...ho paura!
    Il tempo non trova, mai, la cura
    alle ferite di promesse infrante.

     
  • 31 dicembre 2016 alle ore 17:34
    Morte vitale

    Lo stivale ha di nuovo paura
    del serpente, che avvelena, con cura,
    la mela stregata! Bandiera rossa!
    La tomba, il popolo l'ha riscossa.

    Tra le pietre, una bocca s'è mossa:
    la nostra mente non sarà più scossa...
    chi crede ancora che questa premura,
    di candida verità sia pura?

    Chiedono solo una dimora nuova,
    in ginocchio... il finto cuore prova
    le lacrime, e le risate trova.

    Mostriamo del cielo un falso timore,
    ma ecco qual è il nostro vero terrore:
    del dio Euro, perdere l'amore.

     
  • 31 dicembre 2016 alle ore 17:30
    Una storia infinita

    Un solo destino: sempre isolato.
    Dal sogno di una vita, devo uscire

    di nascosto, svelato per il cuore;
    ha tentato di cambiare, celeste

    il demone, l'angelo infernale;
    da soli contro la luce, possiamo

    cacciare i falsi dèi, senza pietà;
    le mie amiche stelle mi donano

    sorrisi eterni, nel villaggio in fiamme;
    ogni giorno è rosso, e ora la nuova

    speranza rinasce, dov'era il muro;
    tra nuvole bianche, vedrò lacrime

    felici scorrere sulle ferite.
    La finta paura ha comandato.

     
  • 31 dicembre 2016 alle ore 17:26
    Ruspe migratorie

    Stanno ancora scappando dalle bombe!
    Cercano, qui, una vita migliore…
    ma la speranza diventa dolore:
    il mare nostro, già, pieno di tombe.

    Sul loro destino una voce incombe:
    non vuole mai un diverso colore!
    Di quegli occhi in lacrime, mostra orrore,
    anche se portano solo colombe…

    Vivono, tutti, nell’ozio e nell’oro?
    I cittadini, non hanno aiutato?
    Dovrebbero tornare a casa loro?

    Muoiono per il cuore congelato!
    Tra esseri umani, non c’è differenza!
    Né c’è il rifugio che hanno lasciato!

     
  • 31 dicembre 2016 alle ore 17:21
    Diabolica tragedia

    Nel cappello nero di un mago,
    tra colombe e ratti mentali,
    ho bevuto il sangue di un drago.

    Mi hanno donato nuove ali
    gettando, già, il mio cuore
    vecchio, tra sguardi mai uguali.

    La parola non fa rumore
    in un silenzio, assordante,
    di fiamme dal vuoto calore.

    Un pianto dal cielo incessante:
    tra veli, è parsa una stella,
    di cristallo o diamante?

    Continuavo a cercare quella
    breccia, ho ritrovato la vita
    persa, sempre, di notte bella.

    Una cicatrice è guarita
    da una luce, e un'oscura
    croce, della morte è svanita.

     
  • 31 dicembre 2016 alle ore 17:16
    Cielo dei ghiacci

    La magna, triste, campagna felice
    vive dei morti, e il fuoco non lava
    il sangue che i cuori sporcava,
    nel vuoto, della gente che non dice.

    Alla nostra natura distruttrice,
    per il mortal sospiro che arrivava,
    alle speranze come si pensava,
    per un quadro ormai senza cornice?

    Basta, Cupido, i dardi scagliare
    come il padre tuo! basta l'alloro
    fallace, per le già oscurate menti.

    Dobbiamo svegliare gli occhi credenti;
    vogliamo aprire il vaso, ci sembra d'oro;
    possiamo ancora, il mondo, cambiare.

     
  • 11 settembre 2015 alle ore 22:38
    Binario vivo

    Dei sogni nascosti nella stazione
    un’anima è in cerca di un’altra occasione
    per vivere col cuore oltre le mura
    e salire sul treno della luce pura.

    Il porto sicuro lasciato una volta
    la vera risata è presto tolta
    tra accesi i colori dei sentimenti
    e il freddo dei fuochi sempre spenti.

    La pioggia di lacrime stava oscurando
    il timido sole le ali bagnando
    di voci confuse già pronte al volo
    verso un pensiero rimasto solo.

    Nel buio che accoglie l’ingrata esistenza
    si nota di nuovo la vecchia presenza
    ma ora sempre nel cielo resta
    con voci che unite tornano in festa.

     
  • 10 ottobre 2013 alle ore 17:01
    Anima di fenice

    Ritornava il pianto antico
    le mie ali hanno bruciato
    senza cuore sono scappato
    per cercare un vecchio amico.
     
    Ora soffro con la mente
    nella luce mai accesa
    e rinnovo la dolce attesa
    per la nuova stella cadente.
     
    Sopra il cielo di diamante
    sto scoprendo un'altra vita
    con la gioia infinita
    che riempie l'amore mancante.
     
    Una mano aspetto ancora
    mentre l'alba di un respiro
    mi ricorda dove ammiro
    dei miei occhi la dimora.

     
  • 11 giugno 2013 alle ore 0:31
    Macchina del tempo

    La mia rosa sta morendo
    nella gabbia ormai dorata
    la tua luce sto inseguendo
    dal pensiero tanto amata.

    Molte stelle ormai cadute
    sulla strada ho già pianto
    e osservo le parole mute
    attirate dal tuo canto.

    Dentro i sogni ti cercavo
    ma non mi ero immaginato
    che in vita cominciavo
    a sentirmi così infuocato.

    Quel sorriso vorrei trovare
    perso dentro un'emozione
    per riuscire a provare
    una dolce sensazione.

     
  • 30 aprile 2013 alle ore 18:30
    Corsa a ostacoli

    Sto morendo nel presente
    ma in vita già si sente
    il ritorno del passato
    in un futuro mai sperato.

    Sulla strada dell'inferno
    voglio vivere in eterno
    ora non so più volare
    e riprendo a camminare.

    Tra le stelle ormai correvo
    in un dolore non piangevo
    ma trovavo nel sorriso
    il lucente paradiso.

    La speranza del perdono
    qui rinata dove sono
    custodivo nella notte
    per curare queste botte.

     
  • 30 aprile 2013 alle ore 18:29
    Fuoco del cielo

    Nella nebbia stavo vagando
    tra gli abissi della mente
    e quegli angeli dal niente
    mi ritrovano cantando.

    Una luce sempre oscura
    mi ricorda promesse rotte
    ora vivo la chiara notte
    che allontana la mia paura.

    Si erano chiuse quelle porte
    non riuscivo a sperare
    ma continuo a provare
    a rinascere dalla morte.

    Vado avanti nel cammino
    tra il sogno e la vita
    nel timore che è finita
    l'amicizia di chi è vicino.

     
  • 30 aprile 2013 alle ore 18:29
    Tempo perso

    Congelavo nel mio inverno
    disprezzando la primavera
    ora brucio nel fuoco eterno
    che rischiara la notte nera.

    In silenzio nel mio cuore
    dolcemente sei entrata
    e rivivo il mio amore
    in un'anima tornata.

    La mia mente aspetta ancora
    il calore di quel cielo
    che non trova più dimora
    nell'abisso di questo velo.

    A scoprire sono pronto
    che la breve storia nostra
    sia un'alba o un tramonto
    ma il sorriso già ci mostra.

     
  • 17 dicembre 2012 alle ore 18:21
    Giostra natale

    La nuova nascita è tornata
    da quel giorno che sei andata
    non ti ha perso il mio pensiero
    che si rinnova nel cielo nero.

    Dalla torre eri scesa
    tra le nuvole già sospesa
    a quel poco non ho pensato
    che di colpo sarebbe mancato.

    Sono salito in un momento
    alla speranza dal tormento
    nel sorriso del tuo cuore
    ho disperso il dolore.

    Ora so che sei importante
    anche se così distante
    ti ritrovo più vicino
    della vita nel cammino.

     
  • 02 agosto 2012 alle ore 16:40
    Parole note

    Sospirando cercavo amore
    ma ho trovato tante stelle
    che mostrandosi tra le più belle
    mi accompagnano dentro il cuore.

    Una timida emozione
    la mia voce attraversa
    nella mente ormai è persa
    nel profondo della canzone.

    Da oscure parole di ghiaccio
    sono sempre circondato
    la luce del fuoco mi ha salvato
    liberandomi come un pagliaccio.

    Sto sfogliando il passato
    come un libro che ho già letto
    ma il presente così perfetto
    mi fa vivere il mondo sognato.

     
  • 02 agosto 2012 alle ore 16:39
    Ghiaccio bollente

    Tra le fiamme inaspettate
    stavo presto congelando
    dalle porte qui dorate
    una mano mi sta salvando.

    Nella pioggia ti ho lasciato
    il mio sole rimpiangevo
    tra le stelle ti ho trovato
    in un buio che vivevo.

    Fermo lì davanti a un muro
    queste note sospiravo
    con te ero più sicuro
    di cercare il cuore che amavo.

    Nel mio cielo in tempesta
    una nuvola si è schiarita
    la speranza nei sogni resta
    quest’amicizia così infinita.