username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emanuele Martinuzzi

in archivio dal 20 giu 2018

07 settembre 1981, Prato - Italia

mi descrivo così:
A mio modo un sognatore. Mi piace camminare nella natura, nei borghi antichi o in luoghi caratteristici, scrivere poesie, fare foto e suonare la chitarra. 

20 giugno alle ore 21:26

Un tempo

Un tempo un tramonto era un tramonto, l’affresco sublime 
di una feritoia, che esangue si aggira, unico straniero senza patria.

Un tempo occhi innocenti erano occhi innocenti, ciottoli arresi 
a sentieri d’amore, che vanno alla sera tra sterpi marciti in passi.

Un tempo la solitudine era la solitudine, stonata preghiera nel vuoto 
come terra tra gigli seccati, fuori una bara di mondo ad attenderla.

Un tempo il canto era il canto, violini di vento strappati da ciò 
che macchia al lamento, ogni voce chimera, ogni sguardo rena.

Da Di grazia cronica - elegie sul tempo

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento