username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 mar 2007

Enzo Cagnetti

28 aprile 1965, Roma
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 05 marzo 2007
    Buio

    Correre nel buio
    tagliando a fette l'oscurità
    con immobili pareti verdi
    come spettatori variegati
    fuscelli di muri formano battiti
    di sguardi lunghi anni.

     

    Buio trasparente come cristallo
    verità da cui osservare bugie
    vero carburante di macchine
    sbandate senza meta nella
    confusa mente dal sole artificiale

     

    Da solo di fronte al buio è come
    essere di fronte a Dio
    dialogo a due di padre e figlio
    ascoltare il buio e viverlo di riflesso
    naturale ritratto di solitudine
    nel tragitto di avvicinamento
    alla luce che disseta la vita,
    questa vita nascosta nel buio...

     
  • Sfitro giornate già vissute
    Sfitro sofferenza senza speranza
    guardare il cielo e sentirsi
    osservati.
    Sfitro pianto di un bimbo
    sensazione di cuore in panne
    Sfitro ridere di gusto
    nel cortile dei giochi
    bianchi capelli e ricordi

     

    Sfitro squallido marciapiede
    di lavoro
    corsa affannata
    senza fiato stracci bagnati
    Sfitro rabbia giovane
    confuse idee
    polvere in gola
    erba da masticare
    Sfitro bugie e falsità
    stile di vita
    sorpresa è vivere
    di amare verità

     

    Sfitro al di là dell’orizzonte
    Nuvole basse in un sogno
    osserva pensante
    l’uomo non è degno
    guardo allo specchio
    consumato dal tempo
    e vedo Sfitro…

     
  • 03 marzo 2007
    La balomma

    La balomma è sfiata
    nel suo trolo di mampe è malata
    con calma sonta e poi risonta
    sghuiscia nei giorni tenei
    ma non ha voglia di rilonta
    arranfa rusti che tiene stretti nei martei
    al petto una roglia e un vareggio
    senza tempo e senza un bosto coleggio.

    La balomma è sfiata
    nel suo trolo di mampe è sfiorita
    un urgallo la guarda ballita
    Sfitro la prende con burdo sagnoso
    e la porta via, nel disotorio
    dove  non c'è sole ma neanche lutio.

    La balomma non parla è sazza
    Sfitro la guarda lombita
    lei è pazza, è curozza o è solo tilozza
    non c'è scampo per la balomma sfiata...

     
  • 03 marzo 2007
    Gnente...

    Io nun so' gnente, nun so' nisuno
    aricconto e storie pe' quello che vedo
    e poi scrivo no pe' scordamme
    ma pe' fallo presente
    alla gente che core e scappa
    e nun te risponne
    quanno je parli de n’antro monno
    quello che nun se vede, quello che nun se sente.
    Nun te deve capita’ pe' pensacce
    e’ quanno sei felice che te devi move'
    nun è 'na regola e nessuno te dice come
    stacce drento sarebbe troppo semplice.
    Omo che pensi solo al luccichio tuo
    che te cechi allo specchio solo a guardatte
    a faccia te lustri pure de notte
    te guardi e te vedi vestito d’oro
    sur trono che nun te portarai dietro.
    E allora mettete a mano 'n saccoccia
    tira fori  er core co un po’ de sordi
    e dalli a chi nun c’ha gnente
    a chi nun vede, a chi nun parla
    a chi la matina se sveja e non ce sente,
    ma er core loro 'o capisce
    e prenne per mano er core tuo
    e je sussurra dorcemente:
    “Me fai senti’ come sei te
    famo 'a strada ‘nsieme
    'sta vita è 'na camminata breve
    'sta vita è 'na camminata solamente”

     
elementi per pagina