username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Burgio

in archivio dal 03 feb 2020

08 luglio 1957, Niscemi - Italia

23 giugno alle ore 11:25

Un istante di libero delirio

E il cammino gli sembrò infinito,
le soste, i letti, camere spoglie
d’anticaglie: pensò all’istante
di libero delirio, al martirio
di prevalenza, a gocce di collirio
alla luce della luna calante.
Chi fugge dall’ombra e dalle maglie
del buio all’alba di ogni vagito,
 
conosce i riflessi dell’acqua, puri
prima del sorgere delle connessioni
alla locanda dei cipressi del borgomastro.
E il ministro che scrisse all’amante
nelle pause elettorali, da brigante
a brigante, attese il corso dell’astro
declinante prima di leggere le traduzioni
dall’alfabeto venusiano di tutti i futuri
 
degli amori del pianeta. E di quel codice
cifrato, del segnale spiegato a baci
-ciò che muore, vivrà sempre- la matrice
è conservata ad anni luce dal primo cuore
di titanio, con conio filmato nello store
della dea dell’amore. L’oscar all’attrice
migliore fu consegnato dal regista delle voci
scure, la barba grigia rasata a forbice.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento