username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Iannozzi

in archivio dal 21 apr 2017

30 marzo 1972, Torino - Italia

segni particolari:
Torinese, giornalista regolarmente iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, critico letterario e scrittore.

19 marzo alle ore 14:16

Calicanto d'inverno

Odoroso il calicanto nell’inverno fiorisce,
del freddo sfida le lingue di vento;
sul muschio lasciamo noi i nostri passi,
guardando in alto dove il bel fiore sta
in attesa di baciar dell’estate l’azzurro.

Conosce il calicanto della sua fioritura la fine:
niente ignora, un ordine ancestrale l’ha istruito;
sotto la rugiada il piccolo fiore si conserva,
e muto osserva la brina sciogliersi in lacrime.

E la sua chioma un poco la vede sparire,
e lo sa che non può che essere così
ché lo spirito cosmico gliel’ha spiegato;
il tenero fiore allo stelo resta incollato,
nascosto per evitar del grecale l’impeto.

Vuole il calicanto festeggiare il candore,
un pettirosso uguale a fiamma divina
l’ha imbeccato; così, ancora una volta,
lascia cadere su noi la sua bellezza
che negli anni andati, mai dimenticati,
d’amore t’inebriò.

(4mani) di Viola Corallo e Iannozzi Giuseppe

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento