username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Iannozzi

in archivio dal 21 apr 2017

30 marzo 1972, Torino - Italia

segni particolari:
Torinese, giornalista regolarmente iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, critico letterario e scrittore.

22 giugno 2017 alle ore 18:20

Non diciamolo, non ad alta voce (poesia scritta insieme a Viola Corallo)

Non diciamolo,
non ad alta voce,
oppure sì: fatto sta
che in una pozza di stupidità
- di assenze su assenze -
si annega il domani
che verrà come verrà;
e il nostro tempo,
giorno dopo giorno,
ce lo mangiamo,
lasciandoci alle spalle
il bello e il brutto,
simulando felicità,
sorrisi che non sentiamo.

Diciamolo,
diciamolo pure, a bruciapelo:
questa vita non la capiamo,
appieno non la capiamo
mai veramente,
nonostante lo sforzo
di darci uno scopo
che nel domani
rimanga ben impresso
a favore di chi
dopo di noi verrà.

Si sgrana presto il momento,
quello che - per chissà
quale distrazione del Fato o di Dio -
ieri, subito, lo dicemmo buono;
in mano poi,
a noi, poco o nulla ci resta,
forse solo una manciata di sale
che non abbiamo saputo
amministrare né somministrare
a quanti nel nostro cuore o no.

Eccoli i giorni,
sempre uguali,
sempre persi
in indecifrabili rotte.

Così noi si sta
fra un sonno e un altro,
fra un amore e uno
che non ricordiamo più,
fra una notte e un'alba;
ed è un po' come morire.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento