username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Grazia Finocchiaro

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Grazia Finocchiaro

  • 06 giugno 2018 alle ore 19:22
    SE DIVERRAI LUCE INFINITA

    SE DIVERRAI LUCE INFINITA
     
     
    Se questo silenzio avesse
    parole, non ci sarebbe inciso
    ai muri della metropoli
    il dubbio del nostro amore,
    al risveglio non troverei
    pavimenti vacillanti,
    i passi andrebbero leggeri
    come di giugno il vento.
    In te amore
    si dissolverebbe la cupezza
    se insieme muovessimo il mare
    se scalassimo la montagna
    del sorriso, se non mi negassi
    i caldi abbracci
    che percorrevano le nostre vene
    in fuoco d’artificio.
    Se diverrai luce infinita
    abbaglierai tutta l’anima mia
    impetuose le nostre finestre
    si spalancheranno
    al cristallino riverbero
    del mattino.
    *
     (Grazia Finocchiaro)
     
     

  • 06 giugno 2018 alle ore 19:19
    NELLA VALIGIA LA MIA ISOLA

    NELLA VALIGIA LA MIA ISOLA
    (Souvenir d’amore)
     
     Colmai valigia d'acqua
    di mare, fragrante di zagare
    e limoni, mi trepidò l'animo
    come bambina
    quando sciolsi l'intreccio
    dalle mani di madre,
    la pelle saturai di solleone
    i passi amalgamai di salsedine,
    perché non fosse solo nudo ricordo.
     
    Ingoiai bocconi di vento
    - ossigeno di ristoro -
    alle mie spalle si poggiò il sole
    fedele guida perenne per tutti
    i miei giorni, raccolsi
    una manciata di respiri mattutini
    - lievito per il mio vivere -
    nelle tasche sole e grano
    per irraggiare il mio cammino.
     
    D'acqua mi rinfrescai la gola
    alla sorgente che sgorga ancora
    come nelle notti
    che mi custodiva il sonno
    nella casa atavica lì vicino.
     
    Uno sguardo dall'oblò
    della memoria, dello zampillare
    scintille d'argento
    sono limpide parole
     
     (Grazia Finocchiaro)