username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Luciano Vitiello

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Luciano Vitiello

  • 30 novembre 2012 alle ore 0:36
    Roma Marino

    Pini, li stai a vede
    tutti^si gobbi, 'zoppati
    da 'ë Gianne, i^Mistrali...

    Nun li scuci, che nun c'hanno
    vò' de lassà mamma Roma:
    strigneno forte la tera

    'mmezzo li diti-radici,
    strigneno forte le mano
    drentro le panze dii Colli.

    Storti e belli, co l'unghie
    corte, capocce stragonfie,
    succo che 'ppiccica 'ddosso
    pigne e frutta co'a coccia.

    Boni pe^'r mare, e 'mpo de
    fresco. So fatti pe fa la
    ombra, e pe li pignoli.

    Mica pe tutto sto vento.

  • 02 settembre 2011 alle ore 15:39
    Siberian slengteng

    Da qualche parte
    piove la neve,
    carezza il corpo
    del calore assopito,
    bussa alla porta
    dell’insolenza
    ammansendo i sensi.

    Dal finestrino di
    un treno in corsa
    grigio di ghiaccio
    scorrono feticci
    di civiltà, palazzi
    caduchi come le foglie
    morte degli olmi
    cadute sui campi marroni

    che nascondono la vita,
    con la loro morte
    meravigliosamente brulla
    e scenica, imponente,
    ridondante nello sguardo.
    Avvolto dal calore
    di un sedile morbido
    vecchio e sfasciato,

    procrastino il sonno.

  • 02 settembre 2011 alle ore 15:37
    Non contarla

    E tocca le tracce
    sgrana le marce
    goffa e grossa

    scende la stoffa
    dentro i crani

    rabbia fai
    fuoco
    rompi le ossa

    degli empi
    foschi

    arrocca
    dentro soffi
    ama frana

    impero
    ottomano

    sogna
    Solimano.

  • 02 settembre 2011 alle ore 15:36
    La ballata della polvere

    E fori dar vetro
    zozzo e ‘r fischio
    de’a corente

    ho visto ‘n cane
    cor pelo aruffato
    purcioso der color

    dea sabbia
    rincorreva e rote
    de fero e volea

    magnasse a’armadilli
    demetallo che coreveno
    ‘r filo d’acciajo

    rugginito e vecchio
    de porvere e vagoni
    ‘o visto e c’ho pensato

    a gloria de cambia
    du scudi pe na corsa
    ner servaggio

    ndo sta?
    Sta ner fatto che a vive
    de stenti e de cieli

    bblu e de saccocce
    vote e de denti de fori
    n’abbasta na cassa

    pe tene tutto er vento
    che te gonfia er petto.

    _______________________

    Da ‘o scomparto accanto
    ho sentito na chitara
    e ‘n pezzo de tubo

    che strofinava su e corde
    marcite e su li magneti
    da rigattiere.

    Poi na voce grassa
    e catarrosa e ‘nvecchita
    da a tormenta

    ‘i scozzi sui sedili
    e na canzone d’amore
    a gonfià qu’a plastica

    maledetta.
    A na certa
    ‘abbestia ha smesso

    da core e poi
    s’è seduta ‘n mezzo
    ‘aa tera.

    Ha mmesso a capoccia
    nnietro ha scoperto
    ar monno er gozzo

    e ho visto e zanne
    gialle luccicà sotto ar sole
    prima che quer verme

    de fero me portasse
    a ‘o scalo doppo.
    E so sceso

    me so ‘cceso na paja
    e l’ho sentito
    ululà.

    ‘O sentito salutà
    er vecchio ch’è
    sceso doppo de me

    co ‘n braccio na chitara
    come se fosse ‘na pupa.

    E io co i brilluccichi
    de ‘nvidia ‘o cchiappato
    pe a giacca

    e j’ho detto
    a sor maè, ma come
    se spiega?

    E lui m’ha soriso
    da dentro abbarba
    grigia

    e lui m’ha guardato
    co l’occhi larghi
    com’orizzonte

    e me fa
    questa è na risposta
    no na domanna

    fijo bello.