username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michele Gentile

in archivio dal 27 feb 2014

04 gennaio 1972, Ostia - Roma - Italia

segni particolari:
Vivo!

mi descrivo così:
Poeta.

29 agosto 2019 alle ore 8:29

In morte di un poeta

Quando sara' notte

e un refolo di vento

soffiera' via la fiamma

di questa candela,

sorridero' al silenzio

e m' inchinero' alla tenebra

perche' sereno

prendero' il mare aperto del tempo.

 

Cosi' salpando verso remote isole

lasciando al porto il penoso onere  dell' attesa

dedichero'  ai miei scalmi la danza dei gabbiani

issando altrove i remi di un' impassibile oblio

 

 

In amaro ostaggio di parole senza piu' ali

e sanguinari proclami

si levera' infine una voce

a cantare l' eco dell' immortale pietra

 

 

"Malgrado radici aggrappate agli abissi,

ad ogni passo strappandomi il cuore,  

da Titano  intrapresi

il cammino degli uomini.

Poesia furono le mie altezze;  

all' indifferenza del cielo

risposi con l' insolenza delle nuvole”

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento