username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Michele Gentile

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Michele Gentile

  • 21 agosto 2014 alle ore 8:56
    Sotto la pioggia

    Forse solo un sorriso che obbedisce al passato sfiderà queste nubi. È tutto così semplice sotto la pioggia. Cancellate le impronte volato via quel poco di buono, resta una pietra sulla quale rinascere. Hai ragione tu, domani non ci riguarda finalmente soli oggi che anche la rabbia ci ha abbandonato.

  • 16 agosto 2014 alle ore 22:57
    Mamma rabbia

    Erano giorni disperati,
    comprati a poco prezzo
    da un padre che non aveva null'altro da offrire.
    La rabbia mi ha salvato
    non mi ha reso migliore,
    mi ha semplicemente salvato
    e oggi, a chi si arrende
    a chi crede ancora alla morte
    e se la fa amica
    quando non ha più niente da scrivere
    nessun ballo da fare,
    auguro quella stessa,
    preziosa, 
    fedele,
    mamma rabbia.

  • 28 luglio 2014 alle ore 8:36
    Senza poesia

    Silenzi interrotti dalla pioggia. Logore bisacce a perdere stille d'azzurro. Creta di mari smunti plasmati per ammassare solitudini. Voglia il tempo con le sue ragioni richiamarci all'amore quando soli avanziamo nel buio senza più paura senza più morire stanchi viandanti per un infinito d'argilla e loto.

  • 16 luglio 2014 alle ore 10:57
    Come la nebbia

    Ci racconteranno come si raccontano inverni di piene e di risvegli, di carezze in riva al fuoco. Torneranno ad amarci come si ama quel sole che non si mostra. Quando come la nebbia, sulle sponde del giorno ci poseremo e ci abbandoneremo alla pietra in tumulto, accarezzeranno la chioma di parole mai nate. Ogni istante sarà già istinto di memoria, sulle spente labbra di un tempo che non perdona.

  • 04 luglio 2014 alle ore 8:48
    Dove ci incontrammo

    Stamane germogliano ricordi. Pasteggiano le ore rimasugli di indifferenza. Dove ci conobbero stanotte va a peccare il rimpianto complice di mille solitudini. Vale ancora la pena dare retta al cielo, vederlo correre nelle stanze più buie laggiù fra le strade del silenzio laggiù... dove ci perdemmo.

  • 29 maggio 2014 alle ore 20:30
    Solo ora

    Solo ora mi accorgo
    di quanto effimere siano
    le rotte del tempo.
    Trascinano a riva
    frammenti di età
    come fossero stelle marine,
    sterpaglia.
    Solo ora,
    ora che i rami son spogli,
    riesco a sorridere 
    dei miei autunni.
    Tu, 
    Padre
    non sai di me...
    ogni gesto di gratitudine
    è perso, naufragato
    nel pianto delle nuvole
    che,lettere di un quaderno ingiallito,
    ti raccontano alla rassegnazione.

  • 03 maggio 2014 alle ore 13:47
    Esilio

    Distante dalle tue labbra
    in balia di orme confuse.
    Non conosco altra dimora
    che non sia un tuo abbraccio.
    Carezze destinate a sfiorire,
    delicati petali
    guidano fragili sguardi
    verso la più vigliacca delle rese.
    Tanta meraviglia intorno!
    Sento il cielo che non sono
    stringo la pace che non ho.
    Sprecati
    come poesia
    in pasto al silenzio,
    assonanze di rimpianto.
    Oramai, 
    solo la solitudine
    viene a farci compagnia.

  • 15 aprile 2014 alle ore 8:40
    Desideri

    Quando scongiuro il tuo respiro
    quando imploro le tue mani
    come esule,
    penosamente
    anela al ritorno
    tu non ti nascondere.

    Quando ti chiedo un tenero sguardo
    quando confido nel tuo abbraccio
    per sopire i miei tormenti
    non distrarti.

    Continua a cercarmi
    quando l'inverno 
    appesantisce i passi,

    continua a chiamarmi
    quando il silenzio
    annichilisce i venti

    e quando, infine
    deciderai di perdermi
    tu, 
    almeno
    dedicami un'attesa,
    l'incanto dell'ultima vista al faro
    prima del mare aperto.

  • 24 marzo 2014 alle ore 13:24
    Frida

    Un soffio
    il tuo tempo.
    Alba del dolore
    che ti ebbe in dono,
    trafitta
    uccisa
    nel grembo,
    nel cuore.
    E ingiusto non fu
    solo Settembre,
    stagione di sangue sprecato
    ma l'amore persino
    tuo amato
    dipinto allo specchio
    come primavera fagocitata
    dai colori del peccato.
    Ti narra una storia,
    formidabile notte
    evviva la vita, Frida
    evviva la morte.

  • 24 marzo 2014 alle ore 13:22
    Nei miei occhi

    Il profumo dei pini
    dopo il temporale,
    il cielo acceso
    che s'affretta 
    lungo gli orizzonti.
    La fragranza dei fuochi,
    l'odore dei campi
    sorpresi dalla bruma.
    La saggezza del mare
    nel giudicare gli amori,
    il canto del mattino
    la timidezza dei fiori.
    Questo nei miei occhi,
    nelle carezze
    di cui ho bisogno.

  • 13 marzo 2014 alle ore 9:29
    Parlami

    Prima che anche gli occhi
    diventino muti.
    Senza riguardo,
    a fatica
    dai deserti del cuore.
    Se le mani tremano
    raccogliendo una poesia
    che appassisce
    tra le spine del perdono,
    tu chiamami
    prima che il mattino
    si volga altrove.

  • 11 marzo 2014 alle ore 20:20
    Atena

    Perdente di lungo corso,
    omaggio all'indecenza
    un'ombra che mendica
    manciate di sole.
    Piove ruggine
    sul tuo pugnale,
    da queste parti oramai
    non muore più nessuno.
    Il rancore spalanca gli occhi
    ed io neppure me ne accorgo.
    Conto di rinascere
    tra qualche secolo,
    schiavo della stessa fede,
    armato fino ai denti.
    Sui nostri altari
    solo il sangue
    di un lento dimenticarci.

  • 07 marzo 2014 alle ore 14:54
    Un giorno

    Accoglierai, un giorno
    la saggezza delle Vette,
    capirai i quesiti degli Oceani
    la dolcezza delle Tempeste.
    Rispetterai il Vento
    e ogni sudicio fiore,
    manterrai i segreti
    di ogni Fiume.
    Non sarai più in grado
    di sfamare la Rabbia
    dissetare Vendetta,
    aiuterai il Cielo a navigare
    gli errori a naufragare...
    lo vorrai un giorno e
    quel giorno
    ti chiamerò Uomo!

  • 07 marzo 2014 alle ore 9:54
    Ostia

    Dolce promessa
    non mantenuta.
    Riposi
    fra le braccia del mare
    mentre a gran voce
    il ricatto del fato
    reclama i tuoi seni.
    Nuda
    come preghiera
    recitata in segreto
    da mani senza onore.
    Dipinto di resina
    e orchidee,
    sabbia
    e frumento,
    severe Torri
    a guardia
    di un tesoro
    sepolto dall'infamia.
    S'erge la Rocca sul grano
    vanto di secoli
    che danzano su rovine pazienti.
    Dolce menzogna
    sulle tue labbra
    mi perdo
    quando al tramonto
    attracca la sera
    e una carezza di pace
    torna a salvarmi.

  • 07 marzo 2014 alle ore 9:47
    L'eco del silenzio

    Il tramonto incendia la forra
    scioglie la valle di pietra.
    Si desta la sera
    le spose governano i fuochi.
    Vende cara la pelle
    questo mio dolore,
    legittimando il tuo nome
    cala il sipario
    sulle fredde labbra.
    Riposo sulle rive del cuore
    mentre tu
    t'innamori di un peccato.
    Non scavi più tra i ruderi
    dei nostri sguardi.
    Nulla resta di quell'ardore,
    niente s'è salvato.
    Notte
    che asciughi il mio pianto
    notte
    senza tempo,
    insieme a me
    perditi,
    almeno tu
    dimentica.

  • 05 marzo 2014 alle ore 9:00
    Solitudine

    Cosa me ne faccio di quest'alba
    se abbiamo smesso di sorprenderci,
    cosa mi rimane di quest'universo
    se non ci sono più regni da conquistare.
    Delusi da tutto ciò
    che chiamavamo amore
    splende il confine ultimo
    di un silenzio afflitto,
    infilzato nelle tempie
    come il dolore più tenero...
    le foglie vanno a morire dove vuole il vento.

  • 05 marzo 2014 alle ore 8:55
    Malgrado noi

    Malgrado noi
    l'amore sarà sempre amore
    e altri cercheranno le parole giuste.
    Malgrado noi
    le stelle saranno sempre là
    ad aspettarci.
    D'immortale c'è solo il rimpianto
    malgrado noi.

  • 03 marzo 2014 alle ore 19:10
    Pensiero

    Qui ricordo te
    fra le cose più semplici.
    Nelle carezze che la sera
    dedica alla fatica,
    nelle parole che il vento
    insegna al mare.
    Qui mi vieni in mente
    distante da gioie indiscrete,
    riflesso d'ombre
    che spaventa il mattino,
    ferita inferta
    per lacrimare in eterno.
    Qui torni a trovarmi
    tra le cose più belle
    quei giorni
    dove non sono più.

  • 03 marzo 2014 alle ore 19:05
    Se piango per te

    Ho preferito ali d'Icaro
    ai passi del grano
    imparando la danza degli inverni
    solo per abbandonare gli dei.
    Così
    se piango per te
    è colpa della luna
    della sua tristezza.
    Vuole scrivermi
    lettere discrete
    da nascondere
    allo sguardo dei sapienti.
    E' colpa del vento
    che riesce a trovarmi
    quando smarrisco
    la strada di casa
    per soddisfare
    i piaceri della ragione.
    Se piango per te,
    Madre mia,
    è per questi mari
    che riposano
    soli
    nei versi dei poeti
    illudendosi
    d'esser ancora vivi.

  • 01 marzo 2014 alle ore 12:17
    Sto

    In questa inerzia
    che asciuga
    il martirio delle ore 
    inerme,
    dall'urna del tempo
    lavo via 
    del fato
    le preziose ceneri.
    A volte il giorno muore
    senza fare testamento.

  • 01 marzo 2014 alle ore 8:24
    Chiedilo al cielo

    Ciò che siamo
    vive
    senza porre quesiti.
    Verrebbe a salvarci
    se precipitasse
    d'improvviso.
    Chiedilo al cielo
    se c'è una strada per noi,
    dove  conduce
    se attraversa solitudini,
    chiedilo in fretta
    perché a me
    basta saperti.
     

  • 27 febbraio 2014 alle ore 11:09
    Quello che resta del giorno.

    Lo incontri, per caso
    distratto
    a parlare sommessamente di noi.
    Lo vedi eclissarsi
    goffamente
    nel via vai di una promessa,
    ferito dal bisogno
    di mentire
    perché nessuno
    gli racconta la verità.
    Quello che resta del giorno
    lo trovi ad un angolo di strada;
    con indosso ancora
    il vestito della festa,
    elemosina scampoli d'incanto
    implorando la notte
    di non lasciarlo al buio.