username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michele Prenna

in archivio dal 10 apr 2011

19 ottobre 1946, Venegono (Varese) - Italia

mi descrivo così:
Estroverso e comunicativo sono da sempre onnivoro lettore con grosse curiosità intellettuali. Sposato con due figli grandi, terminata la carriera d'insegnante di lettere, ho scoperto la scrittura poetica e la fotografia: hobbies che sinergicamente abbino.

05 marzo 2014 alle ore 18:34

I vasi della vita

Intro: Quanti vasi si possono riempire di parole per farne semi da cui germoglino storie? Infiniti. E' questo il trucco del vecchio scrittore che gli fa infinita la vita.

Il racconto

Ne erano passati di anni: tanti che statisticamente segnalavano col medesimo numero le sempre più frequenti scomparse di conoscenti, amici e perfetti sconosciuti rintracciati nei necrologi e nella cronaca giornalistica. Occoreva urgentemente una tecnica distraente dal pensiero che magari era il prossimo. Così escogitò il trucco dei vasi. S'immaginava uno di questi contenitori volta per volta da modellare con la fantasia: rotondo, quadrato, a stella, con forme umane, animali o vegetali. L'esercizio gli assorbiva tutto l'ingegno nel passatempo che complicava di materiali unici come marmi, cristalli, bronzi, mille metalli preziosi e svariate rarissime pietre. Come la mente aveva perfetto un vaso, si trattava di riempirlo, ma prima c'era da dargli un tema: amore, odio, pace, guerra, mare, terra, cielo. L'etichetta era stimolo a comprendere i suoi sottoinsiemi ed era un gioco, ad esempio, attaccare all'amore uomini e donne insieme a milioni di animali di tutte le specie. L'amore certo, per dirne una, non si colmava con gli elenchi, ma richiedeva storie con finali commoventi nel bene e nel male. Ci mise vent'anni a dirsi soddisfatto di quel vaso. Avete compreso? Con la confezione dei vasi incuriosiva la Morte che si guardava bene dal portarselo via. Credo che sia ancora da qualche parte lo scrittore ed è solo al secondo vaso.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento