username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michele Sarti Magi

in archivio dal 06 feb 2009

19 giugno 1997, Rio Branco Brasile

segni particolari:
Bellissimo!

mi descrivo così:
Sono un Indio della Foresta Amazzonica. La mia mamma è Cristina e il mio papà è Massimo.

06 febbraio 2009

A mia mamma Cristina

Un amore particolare lega Michele a sua madre e viceversa, ovviamente.
Non importa che essi se lo dicano, o ne parlino: questo amore è la vita che li ha creati in un unico essere.
Anche Michele lo ha sempre avvertito, questo legame infinito, eterno, indissolubile, da sempre esistente, e per sempre esistente…


Appena sono nato non avevo né occhi, né orecchie, né dita…
Nulla: vuoto.
Ma la mia anima accese una scintilla e da lì una fiamma
che vide tutto ciò che un uomo può vedere e sentire:
l’immenso amore e il richiamo della mia mamma.
Dopo molto tempo iniziai a dire ‘MAMMA!!’
Autunno, pieno autunno; è una parola magica: ‘mamma’.
Le rose appassite diventano rosse come la fiamma: ‘mamma’.
Gli alberi pieni di neve tornano a dire: ‘Aria, aria!’: mamma.
Tutte le stelle brillano nel cielo, mamma.


E mi bastò solo uno sguardo per far diventare le stelle
un cuore per la mia mamma.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento