username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Paolo Goglio

in archivio dal 03 ago 2011

29 agosto 1960, Milano - Italia

27 novembre 2012 alle ore 7:31

Il Tropico della Vergine

di Paolo Goglio

editore: GP

pagine: 189

prezzo: 11,18 €

Acquista `Il Tropico della Vergine`!Acquista!

"Non ho conclusioni, meno che mai certezze": così dice Paolo Goglio nel suo lungo monologo, un vero flusso di coscienza, intitolato "Il Tropico della Vergine", in cui racconta il suo solitario vagabondaggio in montagna che dura per tutto un intero mese di agosto, alla ricerca spasmodica di una faticosa rinascita dalle macerie di un'ulteriore esperienza personale negativa.
Un monologo, direi, un lungo discorso che pare a volte rivolgersi direttamente a noi, quando esprime le sue considerazioni sulle tante teorie e sulle varie "ricette" di vita; e si rivolge direttamente e compiutamente a se stesso, quando invoca una presenza amica, vicina, tangibile, perchè quello che lo distrugge è "la solitudine interiore".
Con che delicata ritrosia l'autore ci avvicina ad alcune sue esperienze personali, con che lievità ci fa intuire, sotto l'apparenza delle parole, l'esatta realtà di un'anima dolente, che freme al vento del biasimo e del giudizio altrui, e che desidera, disperatamente desidera "una mano per camminare insieme".
C'è chi si lascia vivere e chi vuole reggere le redini della propria vita: Paolo Goglio lo dice chiaramente quando si dichiara "quello che porta la bandiera del gladiatore", e ci racconta - potremmo dire "si" racconta - dei suoi progetti, quelli passati, quelli futuri, una chiacchierata fra amici sulle sponde di un ruscello di montagna, in una mattina di sole, magari anche nel tentativo di chiarire a se stesso le proprie idee, le proprie sensazini.
Un testo colloquiale che ci chiama sempre in causa, ci innervosisce per alcune considerazioni, ci provoca, ci invita empaticamente a rispondere ed a riflettere, in un linguaggio piano ed accattivante, vicino alle nostre orecchie ed al nostro cuore.
E' davvero un libro che scivola sulla pelle e ci trascina al centro stesso dell'anima, perché questo "cacciatore di arcobaleni", è sempre pronto a rischiare in prima persona, anche se si chiede "chi potrà mai parlare la mia lingua?".
Eppure, ha il coraggio di dire alla persona che lo ha tratto dal baratro "tu mi dici delle cose bellissime", perché infondo l'autore ripete in tutti i suoi libri lo stesso messaggio: "il volo è nell'anima".

recensione di Niva Ragazzi

Commenti
  • Paolo Goglio Grazie Niva per la disponibilità e le splendide parole, un abbraccio :-)

    28 novembre 2012 alle ore 11:47


Accedi o registrati per lasciare un commento