username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Paolo Goglio

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Paolo Goglio

  • 25 aprile 2012 alle ore 15:46

    Come un cigno
    con la testa alta
    puoi ripiegarti nelle ali
    scivolare sulle acque
    immergerti
    volare
    migrare
    nidificare
    resta così...

    vengo
    passo intorno a te
    ruoto intorno silenzioso
    ti osservo e vado

    il destino non è ancora pronto a scrivere

  • 21 aprile 2012 alle ore 23:19
    Migrazione

    Sentirò
    la morbidezza delle tue piume
    dormirò tra le tue ali
    ti infilerò il becco in gola
    per cibarmi di amore
    insaziabilmente
    eternamente
    ti chiederò solo
    di unirti a me
    sigillarti
    appartenerti
    migrare insieme

    un giorno
    in terre lontane

    un giorno in paradiso...

  • 19 aprile 2012 alle ore 11:41
    Vieni oltre...

    Amo sentire
    sentirti
    sentirmi vicino a te
    accarezzato
    tenuto e sospeso
    tra le tue mani
    osservato
    letto
    scrutato

    ora vai oltre
    vieni oltre
    vieni in me
    trapassa la materia
    e raggiungimi nell’invisibile
    quella porzione di spazio
    che solamente con la mente
    possiamo dipingere
    e solamente con il cuore
    possiamo vedere
    è il regno dell’amore
    il tempio delle energie emotive
    la terra della felicità
    dove io

    tu

    noi tutti

    vogliamo vivere
    cavalcando le onde di un mare silenzioso
    camminando con il vento nei capelli
    ascoltando il profumo delle piante
    dei fiori
    della sabbia.

  • 16 aprile 2012 alle ore 20:07
    Desiderio

    Masticandoti
    Sento sapor di bacio.
    Fragola rossa...

  • 10 aprile 2012 alle ore 14:20
    Il Bacio

    Sì... sterliziami
    desidero  fiorire
    nelle tue labbra

  • 08 aprile 2012 alle ore 21:44
    Congiunzioni

    Uguali...
    ondeggiano nel vento
    e l'aria li spinge nella danza
    del verde amore,
    del verde mare
    mentre lei conduce il tramonto del suo cuore
    sulle rive del lago dorato
    io la porto in me
    quaggiù
    lassù
    ovunque
    perchè l'amore unisce
    tante
    tantissime persone lontane...

  • 05 aprile 2012 alle ore 1:07
    La stessa cosa

    Lei può toccare
    sentire
    entrare
    lei
    ha la voce che scrive
    gridando nel mio cuore
    lei sussurra
    quando grido
    coltiva semi di orchidea
    profumando ogni stagione
    lei è viva
    nel mio vivere
    fotosintesi della mia anima
    si immerge, riemerge
    compare dinanzi a me
    per intingersi sulle mie labbra
    per bagnare il sole
    dissetare questa insaziabile aridità
    coltivare nel deserto...

    Lei

    Mi rende oasi
    atollo
    barriera corallina
    dorsale oceanica

    Lei esiste...

    Dorata e sensuale
    aggrappata alle rocce
    scolpisce poesie

    Argentata e sensuale
    risplende sul lago
    e io sono spiaggia su cui approdare

    Sognare e toccare
    pensare e sentire
    immaginare
    amare
    rivivere
    scrivere
    leggere
    parlare alle stelle...

    E' la stessa cosa

  • 03 aprile 2012 alle ore 23:39
    Verde risveglio

    Sono, siamo, siete
    tutti sono fili d’erba
    verde stagliato verso il cielo ammorbidito dal vento
    verde prato
    verde natura
    verde risveglio
    mi animo e rianimo la cerchia di vita che risplende intorno a me
    elementi univoci
    filamenti vegetali
    alimentati da piccole gocce di rugiada condensata
    sono queste le grandi magie del mattino
    i grandi segreti dell’essere
    quando posso cogliere il volo di una farfalla
    che incerta disegna serpentine tiepide e fiorite
    allora posso posarmi anch’io
    fermarmi sul petalo di primula
    e giocare
    con le grandi magie del risveglio…

  • 03 aprile 2012 alle ore 20:22
    Posso esistere

    Se Lei mi sta pensando
    posso esistere...

    entrare nei pensieri di una nuvola
    senza disperdermi

    figlio di un vuoto e di uno spazio
    che solo lei può circoscrivere

    Lei

    che sa accendere la mia anima
    e spegnere la mia mente
    portandomi altrove...

    ali di una cicogna migratrice
    che cambia continente ma non cambia cuore

    e fin quando esiste il suo pensiero

    io posso vivere

    posso sognare

    posso esistere...

    <3

  • 26 marzo 2012 alle ore 2:06
    Sentiero

    Neppure l'eco
    neppure una parete di granito su cui riflettere le grida
    come una terra polare
    persino il vento si congela
    il vuoto circoscrive il tutto...

    Ma per fortuna esistono anime puntiformi
    nostra salvezza
    per sopravvivere,
    esistere
    insistere
    ribaltare questo schema e uscire dal suolo...

    L'amore è luce
    ossigeno
    la solitudine il sentiero
    che conduce al grande crocevia dell'incontro...

  • 09 marzo 2012 alle ore 23:24
    Progetto

    Vieni, venite a me...
    come acque confluenti nell'unico fiume,
    formeremo cascate meravigliose
    e insieme con grande energia
    ci lanceremo in un grande mare,
    nessun orizzonte
    tramonti dorati
    e il disegno volante delle ali
    di un gabbiano che sorride.

  • 14 febbraio 2012 alle ore 17:39
    S. Valentino

    La mano nella mano
    la bocca sulla bocca
    dolcezza emozionale
    girotondo ascensionale...

    contatto d'amore
    risveglio tra le terre di un sogno vicino
    tra stelle lontane...

    le braccia verso il sole
    la sabbia accanto al mare
    più forte
    accanto
    le ombre accavallate
    gli sguardi incrociati finché la luce spegne le palpebre e il silenzio della notte trasporta nel cuore l'ultimo respiro...

    poi è solo amarsi, volarsi, congiungersi,
    bruciante desiderio,
    rintocchi del mattino,
    lingue di fuoco,

    figlio del sole, figlia della luna...

  • 01 febbraio 2012 alle ore 19:31
    Il nuovo futuro

    E’ un arcipelago di isole frammentate
    la mia mente
    ogni isola un tesoro
    un pensiero
    un segreto da scoprire
    un sentiero da percorrere per giungere alle fonti della sopravvivenza:

    riserve di acqua
    scorte di cibo e sementi
    per coltivare le nuove stagioni,
    il nuovo futuro...

  • 01 febbraio 2012 alle ore 19:30
    Cercherò

    Cercherò il branco dei gabbiani
    per volare candido tra la condensa delle nuvole...
    verso stelle diurne
    stelle marine
    astri dorati
    remare
    nuotare
    camminare
    esplorare
    cercare, trovare, scoprire...

  • 19 novembre 2011 alle ore 22:07
    Luna dorata

    Luna dorata
    lucidamente sogno
    di raggiungerti

  • 16 novembre 2011 alle ore 10:04
    Altezze

    Al cielo, nel cielo
    Chiamando le aquile
    Guardo volando

  • 16 novembre 2011 alle ore 10:03
    Vicini...

    Sento una mano,
    il freddo è più caldo.
    Siamo vicini

  • 07 novembre 2011 alle ore 21:07
    Sentiero

    Pioggia, lacrime...
    si bagna il silenzio.
    Cammino nel vuoto

  • 06 novembre 2011 alle ore 8:59
    Porte d'autunno

    Parti di me che si sgretolano come foglie d’autunno
    macerate dalle piogge e ingiallite dal gelo
    spazio termico senza protezioni
    senza veli
    senza impianti di contenimento
    strutture e condotte
    alveo di un fiume mai dragato
    mai incanalato
    sovraccarico di detriti
    intasato di grida… assordanti… silenziose…

    Primavera, primavere…

    infinito, infinite…

    infinite primavere

    ciclo stagionale cadenzato dal tempo
    dagli anelli concatenati che si uniscono uno ad uno per formare una struttura di riferimento e di  controllo
    mentre le ali del gabbiano si dischiudono verso un sole lontano

    molto lontano

    pallido, forse irraggiungibile…

    Chi devo chiamare, cercare, invocare… ?
    Come posso smarrirmi in questa nicchia di cielo saturo di lacrime
    non so volare
    non so scendere né salire
    posso solo inoltrarmi nell’orizzonte camminando verso segnali di speranza
    fessure, spiragli di luce…
    colori decolorati, toni desaturati, tinte grigie, autunni senza uscita
    alle soglie di un inverno glaciale che porterà colonne di iceberg nel mio cuore…

  • 25 settembre 2011 alle ore 11:02
    Profumo di nulla...

    La stratosferica presunzione
    l'infantile immaturità
    l'ignoranza ossessiva di anime involute e primitive non deve portarci a rinunciare
    sacrificare
    sminuire i nostri obiettivi personali che devono rigorosamente essere perseguiti con amore
    fiducia e convinzione
    a prescindere da quanto fango e quanta polvere queste persone secondarie possano avere disperso
    o provato a disperdere intorno a noi...
    proseguendo il nostro percorso di vita e di amore resteranno sistemicamente impaludati nel loro stesso liquame spirituale, come mosche, cimici, scorpioni o vermi...

    resteranno li, laggiù
    striscianti sulle loro mucose
    nel loro guscio di letame,
    nella loro melma fetida e viscida
    spenti, funerei
    inchiodati alla preistoria evolutiva
    fossili senza codice genetico
    dna privo di definizione
    ammassi indefiniti e gratuiti di cellule organiche senza una conformazione cognitiva
    senza poteri sentimentali
    senza un cuore emozionabile...
    chiamano amore la loro stessa miseria
    e nell'ombra delle loro infami ragnatele scambiano anfratti di luce per sapienza...
    non sanno e non conoscono l'ampiezza straordinaria del sole
    la totalità, i colori, le armonie, le meraviglie dell'arcobaleno
    sono esseri minori ma molto pericolosi
    la loro subdola capacità di mascherare
    mimetizzare le cose può farli apparire come sirene
    ispiratrici e tentatrici...
    diffidate da queste anime deserte
    le riconoscete dall'odore inconfondibile...

    profumano di vuoto...

    odorano di nulla...

  • 10 settembre 2011 alle ore 11:47
    Mosaico...

    Partendo da piccoli frammenti,

    confusi, informi, inespressivi...

    l'insieme è straordinario,

    le piccole unità creano uno straordinario insieme, tanto più straordinario quanto più sensibile, magica, artistica è la mano che li unisce, li posa, li compone...

    l'unico elemento, collante per ridisporre i tasselli della vita è... l'amore...

    amore in te, per te da parte tua e dal mondo verso di te che vedi, senti, ascolti, ami il mondo...

  • 04 settembre 2011 alle ore 13:17
    Giardino d'amore...

    C'è un fiore
    un fiore stupendo dal profumo ammaliante
    dolce e penetrante
    colori stupendi
    petali vellutati
    pistilli dorati
    foglie affusolate
    gambo di rosa
    adornato di dolci spine da accarezzare
    abbandonarsi
    al passaggio graffiante dei ricami sulla pelle...

    C'è una Pianta...
    pianta da frutto
    sui rami generosi le mele rosse del peccato originale
    il mango colorato e tropicale
    i frutti della passione
    prugne, susine e albicocche
    kiwi, lunghe banane
    tutto da leccare
    assaporare
    splendido albero multifrutto...
    foglie rosse come l'acero
    tronco slanciato di betulla
    sempreverde come un pino marittimo
    eterno come un ulivo...

    C'è acqua

    tanta acqua

    sorgente fresca e generosa
    figlia dei ghiacciai perenni
    fonte inesauribile di desiderio
    di pioggia
    di lacrime
    di sudore
    di gocce di rugiada
    perle d'acqua per la sete insaziabile...

    Erba, fieno, pianta aromatica
    spezia e stella alpina
    grappolo d'uva rossa
    zenzero e peperoncino
    profumo di zafferano
    di tartufo, porcino...
    tutto vive
    fiorisce
    germoglia in questo eterno vento di primavera...
    calore eterno
    amore eterno
    il giro del mondo
    mille volte...

    Un baobab non vive senza sole.

  • 29 agosto 2011 alle ore 11:37
    Ricami

    Le gocce di pioggia ricamano disegni su un vetro...

    le nuvole nel cielo
    le acque del mare ricamano onde increspate
    ogni singola foglia ricama mille venature per scolpire la propria linfa
    la propria vita...

    Noi ricamiamo battiti
    emozioni
    disegnando con il corpo scolpito nel marmo
    nel granito
    sul tessuto più pregiato
    nella pietra più preziosa e luminosa...

    Questo ricamo di luce si chiama Amore

  • 20 agosto 2011 alle ore 18:21
    Spore...

    Polvere di malinconia
    nebulizzate ceneri di ricordi e speranze
    antracico sogno seminato in un malevolo giardino
    disperso
    disperse
    dispersi nel qualunquismo

    particelle di desiderio bruciate dall'avidità
    dalla fotosintesi letargica
    da piante carnivore aggrappate a radici di segatura...
    presunzione nell'urna della crematura
    aridità cosmica e genesi primitiva...
    patrimonio genetico attorcigliato su se stesso
    incompleto
    dna non codificabile
    banca dati corrotta
    piattaforma instabile
    terreno sismico pronto a franare
    disgregarsi...
    trasmutarsi in quella sottile nube di spore color senape che rappresenta l'evaporazione finale dell'ultimo anello prima del nulla...

    I Veri Angeli conoscono le mappe del firmamento
    volteggiano sulle onde dorate dell'arcobaleno
    non distinguono la luce dal buio
    gli abissi dal Paradiso...
    i Veri Angeli sono il TUTTO..
    archivio Universale dell'amore
    la loro voce incanta e seduce
    la loro luce illumina il cuore e scalda le anime...
    vivono nel giorno e nella notte perchè sono nel sempre
    nell'eterno
    osservano i miseri che si adornano di ombre e pregiudizi e volano oltre
    portando i loro doni assoluti nei riflessi di uno specchio magico
    nei bambini che devono crescere e negli adulti che sono riusciti

    malgrado tutto

    a restare felicemente bambini...

  • 15 agosto 2011 alle ore 11:59
    Una strada deserta...

    Vuoto, deserto è il mio deserto...

    nè regine, nè vipere...
    posso avere tutto o spegnermi nel nulla...
    nè principesse nè sciacalli...

    solo una strada deserta...

    senza anime
    ombre invisibili
    laghi dorati
    riflessi ed ombre
    meteore senza luce
    lucciole spente
    voragini di falsità
    sirene
    locuste
    meduse, pantere
    sanguisughe, vampiri
    streghe malvagie
    scimitarre affilate e incandescenti
    inganni e trappole
    trabocchetti
    esche
    tagliole...

    Resto nel deserto
    lontano dalla spazzatura spirituale
    dalle fogne intasate di fango
    dalle paludi del menefreghismo
    dalle sabbie mobili delle anime senza un codice
    senza un ordine
    un gene
    un cenno di dignità....
    malati di qualunquismo
    generici avvoltoi senza ricami
    senza artigli nè appigli
    si aggrappano al vuoto e franano miseramente nella pozza biologica intasata di menzogne
    ignoranza
    tristezza
    povertà
    degrado
    pochezza
    superficialità...