username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Solazzi

in archivio dal 20 set 2007

30 maggio 1955, Milano

mi descrivo così:
Sono una scultrice, scrivo per dare lentezza alla polvere che troppo rapida passa tra le mia dita.

20 agosto 2008

Parlando del vento

La lucente incantata parola del vento,
spegne il sottile desiderio del pensiero
che roteando soffia al mio polso…

 

e se rovescia la vena del silenzio
meditando ormeggi, lenti, agli approdi,
di ogni anima incauta che si accosta,
leggera e riflessiva,
porterà un vento increspato alla riva.


Insieme alle schiume, insieme ai sorrisi,
insieme ai nostri pensieri
faranno rumore di vita.


Il vento ci sposta speranze,
e la tua  ciocca di capelli ribelli
e la tua mano che mi lascia inutile
sfumando  ricordi sparsi
di quei deserti inondati di sole.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento