username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Red koldowski

in archivio dal 14 ott 2008

17 aprile 1968, Genova - Italia

mi descrivo così:
Non importa dove e quanto sono nato, dove vivo, cosa sogno…
Io nasco, vivo e muoio scivolando sopra ogni mio verso, appeso alle 
costole d’un sogno, in equilibrio fra le pagine aperte dell’universo.

23 settembre 2009

Intriso

Una maschera di mosche
La faccia.
Come luce il corpo putrido
Consuma gli spazi.
Fra le piaghe marcite
Coagula il tempo.
A mani vuote
Sul legno ho
Inciso i miei luoghi comuni,
Ho letto poemi d’amore,
Hai scritto parole di rabbia.
Fuggo gli occhi
Verso un tramonto
Di nuove stagioni.
Cavalco l’orizzonte
D’antiche albe; mi commuovo.
Genero un’altra notte
Da violare, da fuggire!
Turbina l’aria fra un
Battito d’ali e il mio cuore;
Il sogno rallenta:
Ingoio la tempesta:
Distratto…
Fra ali di vento
L’anima si chiude.
Pregna di sudore
Fredda cade
Amara al suolo
Una goccia.
La terra germoglia
Di nuovo respira.
Un fiore colto,
Al sonno d’inverno
Reciso,
Fra le dita sudate
Confortato di calore
Sboccia.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento