username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 13 ago 2018

Salvatore Antetomaso


elementi per pagina
  • 13 agosto alle ore 20:27
    Gliù sbarche

    Mise e mise mmiéz'a mare,
    brutta vite chélla marenare!
    Gliù bèglie iuorne de sbarcà,
    sèmpe e sole ad aspettà.

    Finalnente arrive la nutizie,
    pròsseme puorte, che delizie!
    Ècche, a buorde gliù rimpiazze 
    isse cumènze e ìe che lasse.

    Tutt'è fatte, ogne cose è pronte,
    valigie mmane lasse gliù pònte,
    la lance avvìe gliù motore,
    Ì so triste, n'n tènghe core.

    Nove mise so ppassate
    aspettènne stu mumènte
    e quanne 'nfine è arrevate
    n'n so chiù tantu cuntènte.

    Allà, d'ogne nave a buorde,
    se lasse vite che ne scuorde 
    e comme vache, a mane a mane,
    m'èsce na lacreme e m'alluntane.

    Tuccate tèrre tutt'è passate,
    l'emozione me so scurdate,
    ate prateche s'hanna fà
    e apuó pensà a returnà.

    Finalmente stonche 'nvole
    manche cacché ora sole
    se refà sentì l'emozione
    pe gli'arrive alla stazione.

    Mane a mane m'avvicine
    simme assaie chiù vicine,
    gliu trène trase in gallerie
    gliù core batte in sintonie.

    Quande appare gliù bagliore
    signe ca stimme pe scì fore,
    me 'ncammine pe la porte
    ma l'emozione è troppa forte.

    Me férme allore a guardà fore
    cu gli'abituale batticuore,
    gliù Starnande sponte a mare
    e, a seguì, la mandóla care.

    A stu punte che pozze fà?
    rèste immobele a guardà,
    pe nasconne a chi accante
    le doce lacreme de piante

     
  • 13 agosto alle ore 20:25
    Trestézza marenare - 1965

    Gliù trène lasse la stazione,
    chigliu dun-dun che lòtena canzone!
    È già brutte partì pe tutte chiglie
    che lassene spose, case e figlie,
    ma è tante chiù triste assaie
    se quande tuorne n'n le saie.

    Gliù juorne appriésse  in agenzie, 
    prateche de mbarche 'ncapetanerie,
    cunségne a bbuorde pe la partènze,
    une sbarche e gli'ate che cumènze.

    Ncòppe la nave vite de mare
    antiche destine de marenare:
    uardie, nanòvre e ducumiénte,
    careche, scareche, ate mumiénte,
    sèmpe, cu tempèste o cu bunacce,
    cu mare calme o margiate 'nfacce.

    Passene juorne, settemane e mise
    tanta trestézze senza maie na rise,
    sola speranze uneche cunfuorte
    gliù mumènte degli'arrive 'mpuorte
    quande finalmente  l'agenzie
    pòrte nutizie degli'amoru tije.

    Ma a vote, pe na ragione o l'ate,
    chélla léttere, pe quante desiate,
    n'n arrive e, triste e scunsulate,
    te siénte suglie e desperate.

    Utema resorse parlà agliù viénte
    dumande poche e t'accuntiénte:
    "Viénte che vaie, tu che viéne e vaie, 
    damme na 'mbasciate de chi saie!
    Baste poche, na cosa sole,
    na bona nove e me cunsole.
    Ma che faie, n'n dice niénte?
    N'n sarà maie ca n'n ce siénte?"

    Gliù viénte sènte, sènte e comme!
    ma tire deritte... e ne responne.

     
elementi per pagina