username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sara Scialdoni

in archivio dal 24 mar 2006

02 novembre 1978

segni particolari:
Non sono né un artista né un poeta. Ho trascorso i miei giorni scrivendo e dipingendo ma non sono in sintonia con i miei giorni e le mie notti. Sono una nube, e nella nube è la mia solitudine, la mia fame e la mia sete. K.Gibran

mi descrivo così:
Non sono niente, non sarò mai niente, non posso volere d'essere niente, a parte questo ho in me tutti i sogni del mondo. F. Pessoa

21 febbraio 2007

Mi penso in parole di carta

Punto -silenzio.
Mi penso in parole di carta.

 

Un filo di matita basta a disegnare
ché tanto io,  i tratti non li so definire mai.

 

Sfumata -  corretta,
suggerita in prosa la vita,
la poesia è del non sentire
il peso della carne ogni oggi.

 

Mi riallaccio a una virgola incisa
sul finire di un duetto d’amanti

 

distanti

 

come un paio di note al margine.

 

Ancora - a capo.

 

Distratta la punta cade su regioni bianche
da vestire a nuovo.

 

Il principio non è una sillaba
che inizia per “A”
e se scelgo prosa descrivo il mare
se poesia lo so inventare.

 

Mi sospendo in tre punti di silenzio.

 

… Mi penso…

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento