username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Simona Soldi

in archivio dal 27 ott 2009

06 novembre 1984, Pistoia

28 ottobre 2009

Cicli e la mente - parte II

Avanzi e spingi
cercando di sfangare
finché le braccia ti fanno male
e non reggono più niente.
Ma non ti puoi fermare
perché nell’inutilità
Non vuoi annegare.
Poi un giorno alzi lo sguardo
E ti accorgi di non aver mosso un solo passo
in avanti, perché intorno stai girando
la ruota del mulino

 

le tue braccia non fanno fiorire i campi
non ti permettono di volare
o di attraversare gli oceani.
Sei motore che gira una ruota,
rigurgito di energia
senza apparente ingegno
sempre intorno, sempre uguale
e quello che vedi cambia ma non ti cambia.
Ti hanno messo lì, legato, a faticare,
senza chiederti alcun parere
e non c’è altro da fare che continuare
sperando un giorno di poter rompere le catene
con la forza delle braccia ben allenate
e scoprire finalmente cosa sia la libertà.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento