username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stéphane Mallarmé

in archivio dal 06 giu 2001

1842, Parigi

1898, Valvins

segni particolari:
Ho subito l'influenza di Baudelaire e Poe, sono amico di Gide.

mi descrivo così:
Uno dei fondatori del simbolismo, ho sempre cercato di descrivere "non la cosa, ma l'effetto che essa produce".

29 marzo 2006

Elemosina

Prendi questa borsa, Mendicante!
Tu non l'hai carezzata
vecchio poppante a una mammella avara
per distillarne soldo a soldo il tuo
rintocco funebre.

Ma cava dall'amato
metallo qualche estroso
peccato e vasto come noi, quando a manciate
lo baciamo, e soffia, che si torca!
un'ardente fanfara.

Tutte chiese
velate dall'incenso queste case
quando ai muri cullando una bluastra
fosforescente tacito il tabacco
svolge orazioni,
e l'oppio strapotente
sbaraglia i farmachi! Anche tu,
stracci e pelle, vuoi forse lacerare
la sete e bere con la tua saliva
un'inerzia felice,
nei caffè
principeschi attendere il mattino?

Soffitti sovraccarichi di ninfe
e veli; si getta al mendicante
oltre i vetri un festino.

E quando esci
vecchio dio, tremando nel tuo sacco
d'imballaggio, l'aurora è come un lago
di vino d'oro e tu giuri d'avere
le stelle in gola!

Invece di contare
il luccicante tuo tesoro, almeno
potrai pavoneggiarti di una piuma,
accendere a completa al santo in cui
ancora credi, un certo.

Non pensate che io
dica follie: vecchi la terra s'apre
a chi crepa di fame.Odio un'altra
elemosina e voglio che mi scordi.

Soprattutto, fratello, non andare
a comprarti del pane.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento