username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Viola Corallo

in archivio dal 21 giu 2017

24 gennaio 1990, Ferrara - Italia

06 novembre 2017 alle ore 13:44

Immaginavo

Le brumose stelle portarono il mio interesse a quel libro.
Immaginavo i suoi sospiri, lo vedevo piangere.
Chiudevo gli occhi, 
lo immaginavo che rincasando alla sera
davanti alla porta balbettava con la luna,
denunciando al vento le sue incapacità.
Muta, andavo lui incontro che, 
temporeggiando, mi donava il suo sorriso
fatto di amore giovane
ed io mi smarrivo distraendomi
come quando il cielo s’apre alla vita
donando, con lietezza rassicurante,
la mia bocca colma di parole:
sei un poeta mistico e primitivo
sei un’idea intricata della mia fantasia
sei un sibilo nelle mie stanze quando le porte sono chiuse
sei un rischio da pagare quando i decimali zoppicano
sei labbra colme di racconti
che sfumano come baci.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento