username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Monica Osnato

in archivio dal 09 ott 2006

05 marzo 1963, Palermo

segni particolari:
Innamorata. Del tutto, del mare, del vento, degli uomini, dei bambini, ecc...

mi descrivo così:
Pittrice e poeta.. Ho pubblicato sette raccolte di poesie, alcune delle quali tradotte in altre lingue.

02 maggio 2013 alle ore 16:08

A volte

A volte così vicini
in lontananze disciolte,
vicini come
la chiglia lenta all’onda,
dimenticanze azzurre scomposte
il mio nome, ed il tuo.
Desidero
e di te anelo alla linea che s’innalza
di mezzo
alle tue terre assolate,
alla scia biancheggiante
che solca quel mare
e conduce poi alla baia in quiete.
Io
solo alta tempesta
tra le tue acque d’oltrecielo,
un soffio solo distante
dal canto di balene.
Desidero l’oltranza
del tempo che conserva,
il ghiaccio già disciolto,
il segreto intravisto che perdura.
Un monolite di piume
il passaggio che indica il giaciglio,
un giardino di cuori
il varco nascosto tra lo sguardo.
Tu
solo un biancheggiare di schiuma
e lente le tue mani,
lento il ritorno.

(da. L'Oasi e la Neve, poesie d'amore e d'eros, Il Calamaio ed. 2010)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento