username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 14 set 2011

Anaxagoras Anaxagoras

Palermo - Italia
Segni particolari: Spesso mi ritrovo a blaterare frasi sconnesse senza senso:-)) ( forse)
Mi descrivo così: Mutevol_Mente_Mutevole... non amo il piattume mentale.

elementi per pagina
  • 14 settembre 2011 alle ore 17:15
    IL lago.

    Oh! luna splendende che ti specchi
    sulle sue argentee acque
    e ridenti colli che rieccheggiano di uccelli.
    Silenzio profondo,
    interrotto dalle voci dei tuoi ammiratori
    che godono dell'aria frizzante che sveglia i sensi,
    le tue acque calme che danno pace al mio animo,
    in un giorno gioiso
    di spensierato tempo trascorso ad ammirarti

     
  • 14 settembre 2011 alle ore 16:03
    L'abbandono.

    Ti ho persa per sempre, e il tuo splendido volto,
    dall’incarnato di madre perla,
    per sempre mi sarà nascosto,
    così come le nubi celano
    il cerchio d’argento nell’ombroso cielo.
    Mai più vedrò quegli occhi d’incanto,
    che mi stregarono l’anima.
    Mai più bacerò quelle labbra umide e vermiglie.
    Il velluto delle tue mani accarezzerà un altro uomo
    e solo lui bramerà di te.
    Il desio dei tuoi capelli di seta,
    con cui facevo intrecci d’amore mi strugge dentro
    e mi consuma giorno dopo giorno.
    Ora farò trame con il mio dolore.
    Ne farò una coltre
    che mi nasconda agli occhi del mondo intero.
    Tu, oh donna d’incanto dal passo felpato,
    sprofondo nel baratro della nullità
    perchè nulla sono senza di te,
    mio splendido amore per sempre perduto. 

    Ram

     
  • 14 settembre 2011 alle ore 15:59
    Menzogne.

    Sento il mormorio della notte che fluttua silenzioso,
    ozio su lenzuola profumate di te.
    Ti sento ancora accanto, percepisco i tuoi pensieri
    nel martellante pensarmi.
    Che tu possa bruciare sui carboni ardenti
    dell'assenza di me.
    Hai posto un veto all'incanto nascente
    spazzato via dalle tue menzogne.

    Ram