username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Annamaria Vezio

in archivio dal 22 mag 2012

03 marzo 1955, Firenze - Italia

segni particolari:
"Attento a ciò che desideri perché lo avrai" (detto berbero)...e che sia buono il tuo pensiero perché egli sarà la tua Manifestazione (detto mio).

mi descrivo così:
Operatrice culturale: Critica letteraria. Responsabile editoriale. Organizzatrice eventi culturali. Formazione Studi Umanistici (ampliati nei rami specifici della Psicologia, dell’Arteterapia, del Benessere Psico/fisico e delle arti Figurative). Promuove " l'Arte per Gioia, Arte per Tutti" .

20 febbraio alle ore 19:09

Lievi vesti

Non sentii quelle vesti
né il tessuto pesante
dei tramati secoli

Non ebbi vista
che lor'altri non ebbero
fra l'ombre del mondo

Indossai le vesti
ricamate dai secoli

Ai miei occhi
aggiunsi gl'occhi d'altri

Assaporai
lembi caldi di sangue non mio
e riconobbi
la disperata danza del mio

Non portai mantelli
ad appesantire il mio andare
che non fossero dei miei compagni

E fu lieve il mio passo
ché d'altri fu il volo

Fu palpebre d'angeli
al cielo ancorate

Non seppi mai se il dolore
e l'amore fossero
di chi

Né mai seppi
se fossi fragile frangia
o permanente tessuto

La leggerezza del viaggio mi disse
che il viaggio è mantelli
ornati di sangue e occhi
di voli leggeri
in fregi ricamati d'organza

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento