username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Annamaria Vezio

in archivio dal 22 mag 2012

03 marzo 1955, Firenze - Italia

segni particolari:
"Attento a ciò che desideri perché lo avrai" (detto berbero)...e che sia buono il tuo pensiero perché egli sarà la tua Manifestazione (detto mio).

mi descrivo così:
Operatrice culturale: Critica letteraria. Responsabile editoriale. Organizzatrice eventi culturali. Formazione Studi Umanistici (ampliati nei rami specifici della Psicologia, dell’Arteterapia, del Benessere Psico/fisico e delle arti Figurative). Promuove " l'Arte per Gioia, Arte per Tutti" .

14 marzo alle ore 17:51

Dell'esserino coronato e i suoi "non si può/si può"

Intro: Da "Umani per caso"

Il racconto

L'epidemia fa paura, potremmo essere fra le persone infettate e non riuscire a farcela; l'economia si ferma, molti settori non possono essere operativi; le famiglie separate dalla distanza non possono incontrarsi, bambini e anziani degenti negli ospedali non possono ricevere visite, così come gli ammalati in casa. Le città si sono fermate, tutte le città si fermeranno, il mondo si ferma. Siamo bloccati da un esserino appena appena visibile al microscopio: un virus e che virus, ha la Corona!
Il Mondo del XI secolo, quello del'ACCELERAZIONE è costretto a FERMARSI, lo ha deciso questo esserino microscopico nato da chissà dove e al momento non importa a dire il vero, a che serve spremere le meningi per conoscere la sua origine quando ora bisogna attivarle per combatterlo?
E così si attiva l'Intelligenza, l'Abnegazione, la Compassione, la Riflessione. Medici e infermieri e personale sanitario finora dimenticati e sempre sotto assedio, fisico, mediatico e burocratico, sono ora in prima linea a salvare più persone possibili, anche quelle che fino a un mese fa lanciavano pietre e invettive su loro. Loro chinano il capo e salvano... non ascoltano le idiozie, salvano e rassicurano, anche chi sanno non ce la farà. Da qui parte la riflessione sull'operato del minuscolo virus coronato, su come sta stravolgendo il Mondo. Uomini e donne in unica attitudine: fare il Bene proprio e dell'altro, in unione, sottovalutando ogni divergenza per il bene comune, che se finisce il mondo, finisce per tutti...
Siamo tutti uniti da stessa identica preoccupazione: Vivere. Finalmente ce ne ricordiamo che dobbiamo vivere e non ucciderci l'un l'altro in parole, offese, discriminazioni, truffe, omicidi! Grazie a quel microscopico esserino stiamo spostando la visuale di noi nel mondo, non più noi unico centro ma "nel - con - per", siamo tutti sulla stessa barca in un oceano a forza 10 tutti e tutti pensiamo a come approdare da qualche parte. Siamo obbligati a rimanere a casa, quanti di noi non ne conoscevano più i suoni gli odori gli spazi, della propria casa? e quanti non vivevano più i momenti dei propri figli, dei propri familiari, quante vite vissute ognuno per conto suo, oggi sono costrette a rapportarsi, a ri-conoscersi, a riabituarsi al concetto di "famiglia", a dividere e condividere pensieri e tempo e attitudini e spazi, a riscoprire l'attenzione e l'accettazione. A me sembra un forte incentivo a "vivere" e non più "sopravvivere" in famiglia. Con tutti i pro e i contro che senza lotta non c'è vittoria.
La situazione di "resta a casa" impone il raffrontarsi, il conoscere quanto le abitudini acquisite nell'ultimo secolo hanno cancellato il "vivere - insieme".
I soli, i senza famiglia di ogni età possono scegliere se passare il tempo al chiuso in compagnia di una tv gracchiante o di una radio o magari di un bel libro che oltre che fare compagnia aiuta la mente a sconfinare oltre gli aridi orizzonti; oppure riprendere in mano quell'hobby per troppo tempo abbandonato a causa delle troppe cose da fare perché trascinati dalla centrifuga dei giorni "normali", oppure mettere mano finalmente a quel piacevole lavoro lasciato indietro: scrivere, dipingere, suonare e anche danzare, perché no.
Noi tutti, i soli e le famiglie siamo portati a riflettere, ne siamo obbligati, come si fa a non farlo davanti alle nostre abitudini sconvolte? e se pur con sofferenza, ritroviamo il senso delle Cose che abbiamo perso durante l'Accelerazione".
Non è un male.
Il Mondo, anzi gli Umani nel mondo, volere o volare devono mettere la loro boria a riposo, soprattutto i "grandi" della Terra, non è tempo per giocare alla guerra quando non possono mandare militari al fronte per via del contagio; né ci sarà denaro per fabbricare armi, bisogna pensare al virus, all'antidoto, a pagare medici e medicine e strumenti sanitari e così via...
Non c'è tempo per fare propagande elettorali e sermoni né per correre verso traguardi di potere, non è tempo, non ce n'è, bisogna salvarsi, tutti. Questo, quell'esserino coronato sta imponendo a una Umanità divenuta impietosa.
Siamo obbligati a capire che uno strumento come Internet può e deve essere usato per il nostro agio e non disagio, come facciamo solitamente con il dileggiare tutto e tutti sul web; può essere il tramite del nostro Lavoro, della sana diffusione di notizie, di intelligente scambio, di amorosa compagnia...
Io penso al messaggio del coronato e lo ascolto: "State a casa e usate quel che avete finora prodotto per il bene vostro e del resto del mondo, per una nuova sana vita..."

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento