username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Antonio Sangervasio

in archivio dal 29 mag 2006

10 settembre 1970, Roma

mi descrivo così:
Amo troppo la poesia per poterla descrivere con parole.

06 novembre 2006

Mare agitato

Cave


E sanguinanti


Sono le strade delle vie delle ragioni.


Siamo stati inganni


Dai nastri di partenza,


delusi promontori invalicabili,


lidi solitari,


esposti alla rabbia degli elementi.


Noi,


senza varchi,


abbiamo le nostre menti occluse,


dal cielo e dal mare.


Siamo stati puniti


Dalla luna nascosta,


dal bisogno inespresso di valutare,


l’adesso delle ore,


senza aspettare oltre,


la fretta che mi nasconde questo cielo uggioso.


Prego alla scogliera


Che ci ripari


Dalle onde dell’orrore,


e che sbuchi dal fondo del mare,


la chiave che apre,


il custodir


geloso


dei segreti.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento