Bianca Fasano
  • Napoli (Italia)
  • 01/08/1949

Biografia

Concretamente piantata a terra come un ulivo secolare del Cilento, ma capace di lanciare i rami verso il cielo, con le foglie da un lato di un bel verde tenebroso e dall'altro argentee.

Segni particolari

Profondamente innamorata dell'arte in ogni sua espressione, fortunatamente abile in alcune delle sue possibilità: pittura, poesia, scrittura sotto forma giornalistica, romanzata ed altro. Un passato remoto di danzatrice classica. Ceramista. Ho creato tre splendidi esemplari di esseri umani.

Scritti da Bianca Fasano

10 su 72

La foto

Era di fronte a lei, un po' di fianco, nascosta soltanto in parte dallo scaffale della libreria(…)

Non si può far comprendere ad un ricco come si possa vivere bene, forse anche meglio, a non esserlo.

I cani, se sono "di razza", non potranno mai essere "unici" che per noi. Se desideriamo davvero un cane "unico", dobbiamo accogliere un bastardino: nessuno sarà uguale a lui.

Non amiamo "un cane". Amiamo l'amore che questi prova per noi e i ricordi, le emozioni, che ci ha regalato.

Non è tanto importante quello che cambia intorno a noi (festività,vortici di desideri da realizzare,fosse anche quello di un regalo troppo costoso, "un essere altrove" che non ci è consentito), quanto quello che permettiamo accada dentro di noi.

Non amiamo qualcuno, amiamo le emozioni che questi ci fa provare.