Federica Ciccariello
  • Gaeta
  • 18/08/1988

Biografia

Viaggio tutto l'anno: quando posso, parto. Nel resto dei giorni, leggo.

Segni particolari

Studio arabo. E con questo scrivo di me in due versi.

Scritti da Federica Ciccariello

10 su 20

Colui che tace lo fa per due motivi: o perché non sa cosa dire, o perché sa cosa non dire.

Tra le risposte non date o non ricevute, ci sono silenzi e silenzi. Perché, ad esempio, c'è chi non risponde per non essere maleducato e chi, al contrario, non risponde per esserlo.

L'insulto è un'esca nell'amo dell'insicuro. 

L'arte delle donne di legarsi i capelli sfidando le leggi della fisica è stupefacente quanto il loro modo di acciuffare emozioni in disordine.

Il cuore è una casa d'inverno, che si scalda quando è abitata.

Quelli che si annoiano stando soli sono gli stessi che decidono di stare insieme solo per annoiarsi in compagnia. 

Quando su un treno lo sguardo di un uomo educato che vuole riposare incontra lo sguardo di un uomo che vuole parlare, l'uomo che vuole riposare è un uomo finito.

Resta sempre poco tempo per essere felice a chi cerca la felicità come fosse uno scrigno segreto.

Tutti sanno trovare la soluzione a un problema quando non ne hanno la responsabilità dell'esito.

Definirsi imprenditore è impegnativo. Sarà per questo che molti dicono di essere "inprenditori".