Gino Centofante
  • Pontecorvo (Italia)

Biografia

Sono un ragazzo che ama profondamente la letteratura, gli incavi della storie. Credo nella forza delle parole, e nella loro potenza evocativa. Scrivo per liberarmi. Mi dedico principalmente alla poesia con incursioni nei racconti. Scrivo per sentirmi vivo, per provare a combattere le mie paure.

Segni particolari

Nel comitato lettori dal 2013. Nel mese di ottobre 2012 pubblica il suo primo libro Graffi per Libro Aperto Edizioni, a cui segue nel 2013 il suo secondo libro La guerra degli amori distanti per David and Matthaus edizioni.

 

 

Scritti da Gino Centofante

10 su 14

La anormalità è la nuova normalità.

Amori incerti sopravvivono.  Amori forti si disgregano per la loro stessa grandezza.

L'abbraccio forse è la forma più intima d'affetto. Molti pensano che con il bacio ci si scambi qualcosa di più profondo, in verità non è vero.  Solo allenandosi d'abbracci si può arrivare a comprendere e ad essere consapevoli di ciò che è(…)

Nella notte ogni pensiero sembra un urlo che ti rompe i timpani.

Sei la rugiada che rinfresca i miei pensieri, sei il profumo che amo mettermi ogni giorno, sei la luce che dona colore alla mia vita.  Con te arderei, anche se ci restasse un minuto, l'ultimo, quell'istante finito che ci rende infiniti insieme.

La vera amicizia si vede quando dentro di te senti quella felicità impetuosa che ti assale, ma non per la tua persona, ma per l'altra. Sentirsi trepidanti, curiosi, avidi di assorbire le emozioni dell'altro attraverso i suoi racconti dettagliati,(…)

Leggere è colorarsi la pelle, macchiarsi dell'inchiostro altrui, osare tra le parole che ti scavano dentro.

Bisogna avere assoluto rispetto per i libri: sono cibo per la mente, forza che sorregge ogni arto, storie ogni volta irripetibili.

Gli anni tendono a riserbarci la bellezza delle delicatezze passate. Il corpo è una geografia di storie.

Viaggiare è vivere, è oltrepassare le proprie barriere, è conoscere orizzonti sconosciuti. I viaggi più belli sono quelli intorno all'anima che confina con il cuore per arrivare a comprendere ogni diversità.