username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Bianca Fasano

in archivio dal 04 dic 2011

01 agosto 1949, Napoli - Italia

segni particolari:
Profondamente innamorata dell'arte in ogni sua espressione, fortunatamente abile in alcune delle sue possibilità: pittura, poesia, scrittura sotto forma giornalistica, romanzata ed altro. Un passato remoto di danzatrice classica. Ceramista. Ho creato tre splendidi esemplari di esseri umani.

mi descrivo così:
Concretamente piantata a terra come un ulivo secolare del Cilento, ma capace di lanciare i rami verso il cielo, con le foglie da un lato di un bel verde tenebroso e dall'altro argentee.

04 gennaio 2014 alle ore 21:17

Daisen (esserci)

Esserci, da poco qui
piccolo mio, piovuto nel mondo,
con il ricordo inconscio dei tuoi suoni ovattati
e l’acqua che ti rendeva più pesce che uomo.
Poi sei piovuto qui
nel nuovo mondo
di cui assapori più incertezza che chiarezza.
Di buono c’è il seno della mamma,
che ti promette cibo e amore.
Ma anche quello lo devi guadagnare,
ed è un lavoro nuovo,
da esplorare.
Ci sono voci,
che non riconosci,
intorno a te…
che noi sappiamo voci,
ma tu non discerni che rumore,
incertezza anche quella
che non assicura, ancora, amore.
Poi lo saprai,
che il suono delle voci
è quello di chi ti aspettava al mondo
voci di chi amava ancora prima che tu nascessi,
voci di chi ti ama oggi e ti amerà domani.
Ma tu, piccolo mio, piovuto al mondo,
lanciato in mezzo a noi,
con il ricordo inconscio di una quiete
che hai perduto,
adesso ancora lotti, ogni minuto,
coi tuoi sussulti,
le manine aperte,
i tuoi sospiri
e i tuoi pugnetti stretti nella quiete.
Noi, già piovuti in tempi differenti,
in questo mondo,
che conosciamo appena un poco più di te,
staremo attenti
a darti sicurezza
amore, certezza e consuetudini felici.
Staremo attenti a farti un po’ da nido
e un po’ da allenamento al volo,
per fare sì, che tu,
cresciuto, un giorno,
ne voli, con ali forti e nuove,
sempre più fuori.

In tedesco, Dasein è sinonimo di esistenza. Il  filosofo Heidegger parlava di "esserci" e l'essere umano viene "lanciato" nel mondo. Ho pensato al mio nipotino, lanciato nel mondo, proveniente dal suo mondo e mi sono immedesimata nella sua naturale difficoltà di adattamento e comprensione. "Esserci", vuole dire vivere il tempo e lo spazio della nostra vita ed interagire con gli altri... un po' semplificato, ma è il senso che ho dato al titolo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento