username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Bianca Fasano

in archivio dal 04 dic 2011

01 agosto 1949, Napoli - Italia

segni particolari:
profondamente innamorata dell'arte in ogni sua espressione, fortunatamente abile in alcune delle sue possibilità: pittura, poesia, scrittura sotto forma giornalistica, romanzata ed altro. Un passato remoto di danzatrice classica. Ceramista. Ho creato tre splendidi esemplari di esseri umani.

mi descrivo così:
Concretamente piantata a terra come un ulivo secolare del Cilento, ma capace di lanciare i rami verso il cielo, con le foglie da un lato di un bel verde tenebroso e dall'altro argentee.

26 febbraio 2014 alle ore 15:59

Zio Enzo.

Dall’alba della mia infanzia
giungono a me
i tuoi occhi profondi
e azzurri,
pieni di ombre
nello sguardo fermo.
Porta bianca, chiusa,
antica,
grande,
e le nostre due immagini,
la mia di bimba,
proiettata nel futuro,
la tua di uomo giovane,
già destinato alla sofferenza
e le tue grandi,
lunghe,
gentili mani
a ritagliare ballerine
nei fogli a righe
di un quaderno di scuola.
Ballerine legate per la mano,
ritagliavi, zio Enzo.
A che valse nella tua vita,
l’intelligenza,
la genetica pervasa di futuro,
la cultura,
l’amore,
se non poterono salvarti
dal tuo dimani?
Ritorni ame
Quest’oggi,
da una foto,
ma più profondamente
t’avevo impresso
e mai dimenticato
per il gentile amore
che mi hai dato.
Biancolina.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento