username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

18 dicembre 2018 alle ore 14:37

La mia palude asciutta

Nun sacciu u picchí quannu s'avvicinanu i festi haiu sempri u chiantu 'mpizzu Si risvegliano le emozioni sopite nella mia natura d'uomo debole che vuol far pace con l'altro me stesso peró nun sacciu u picchí quannu s'avvicinanu i festi haiu sempri u chiantu 'mpizzu Vado alla ricerca delle radici da cui fuggono i pensieri del mio appassionato passato i primi sogni d'amore le prime speranze E ancuora nun sacciu u picchí quannu s'avvicinanu i festi haiu sempri u chiantu 'mpizzu E mi emoziono a vedere le mie lacrime semi del mio esser cristiano nel ricordo di una infelice infanzia custode delle feste non festeggiate Uora u sapiti puru vui u picchí quannu s'avvicinanu i festi u me chianciri si sent'aunnegghé . Cesare Moceo poeta di Cefalú Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento