username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

16 agosto 2013 alle ore 22:35

Brain

Occhi negl'occhi; ansimi di battiti indecifrabili.
Desiderio, voglia, passione, violenza, fusione organica di liquidi emessi dal piacere.
Penetrazione, ancora, penetrazione nell'anima.
Mani, battiti e carezze sulle montagne erbose del corpo;
effusioni, orgasmo genitale.
Le mani dietro la schiena.

Battiti.
Battiti.

L'ansimo dell'attimo, passato, ansimi ripetuti dalla fatica e dall' essere appagato.
Occhi.
Passione, baci, i denti che stringono l'ardore corporeo.
Capelli al vento, poi sul nudo corpo.
Che angelo.
Si. Sei così bella, bambina.
I tuoi occhi sono l'incarnazione della mia voglia.
Baciami; assapora il gemito intimo della perdizione.
Oh si! Voglio sporcarti quelle labbra d'angelo che porti che, innocentemente, sorride all'uomo cattivo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento