username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

30 maggio 2012 alle ore 3:42

Il Sole e La Luna

Il racconto

"Riavvolgere tutto come un nastro,un nastro video perso tra scartoffie e scatole vecchie,impolverate,dimenticate.Prenderei un televisore,qualsiasi esso sia contando la generazione di oggi per inserire il nastro video,sedermi su una poltrona,accendere il televisore,con la muta nel cuore,tacere e guardare;guardare questo tempo passato,le cose vissute,quelle distrutte,quelle scoperte.Nel silenzio del ricordo mi soffermo sui particolari che non ho mai scorto,quelli che vivendoli non noti ma che rivisti restano dentro.Fermerei a un momento preciso,quello quando ti vedo e,bloccando la scena,mi fondo al video.Riparto per continuare a rivedere ciò ch'è passato per soffermarmi,poi,all'oggi.L'amaro oggi che mi porta lontano da te.Ho rivisto una scena,i particolari di cui ho citato prima,ho rivisto il momento in cui ci siamo amati.Perchè l'abbiamo fatto,vero?L'oggi mi porta a rifilmare tutto,quello che faccio,quello che penso per rimettermi poi seduta davanti ad un televisore,qualsiasi esso sarà,contando il futuro che si evolve troppo velocemente e soffermarmi s'un particolare;il momento in cui ci s'incontra di nuovo,cuore nel cuore.Notare quanto il primo video si fondi al secondo,quanto io e te ci siamo fusi e rincorsi per stare insieme e poi spegnere tutto,il televisore,il cuore,la mente e riderci su perchè,nella mia visione futura,accanto alla mia poltrona a ripercorrere il ricordo presente divenuto passato,ci sei tu.Ma non posso prevederlo per questo,le mie,sono solo ripercussioni di futili speranze odierne che pulsano più di qualsiasi battito cardiaco.Ripercorro ogni notte i piccoli dettagli del tempo,ma se questo non è un gioco,cosa siamo,allora io e te?Siamo il giorno e la notte adesso,strano ma vero.Siamo sole e luna.Manco a farlo a caso,essi non s'incontrano mai se non per dare spazio all'altro in tempi determinati del giorno.Quindi,credo che la risposta sia semplice se ci si basa su tale teoria.Io e te siamo due.E quindi,abbiamo raggiunto la perfetta sincronia spazio temporale del mondo terreno.Il sole e la luna che danno equilibrio al giorno,un amore eterno destinato a non incontrarsi mai.Ma se andiamo un pò più affondo,potremo notare di certo un particolare che sfugge,giusto per riprendere il discorso strutturato in alto;c'è un momento particolare del giorno che fa si che essi combacino perfettamente,è quando il sole si accinge a calare al meriggio e la luna intenta a salire al cielo ed è lì il punto più alto.L'incontro fatale del sole e della luna,incontrarsi per istanti,per ritornare ai loro posti.E se fosse così?Se fossimo veramente così,tu ci pensi a rendere immortale quel momento?A rendere eterno quell'attimo d'incontro per unirsi ed amarsi.Se come una fotografia rendessimo sempre vivo quell'istante allora anche il sole e la luna potrebbero vivere insieme perchè sapranno che in quel determinato momento le loro labbra si uniscono e ogni giorno sarà un bellissimo istante vissuto.Credi che noi potremmo rendere immortale quell'attimo?Come il sole e la luna,anche noi abbiamo a disposizione un solo attimo e se lo perdiamo sembrerà che non sia mai esistito e continuerà a sembrare che il sole e luna non s'incontrino mai.Ed io non voglio pensare che non ci sia un legame tra loro ma credo che sia un legame molto più poetico ed intenso,forse,rispetto a quello dell'uomo."

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento