username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

16 marzo 2015 alle ore 13:21

Jonathan Walker - Romanzo del mistero [Il Caso Green] Parte II

Il racconto

Al pontile Ovest disteso sotto un cipresso, un uomo dormiente ubriaco marcio che teneva sotto al braccio una brocca vuota.
“John, svegli quell’uomo!” Ordina Jona.
“Subito signore!” a scossoni riesce a svegliarlo e tra urla di sgomento e il pallido intento di alzarsi Jona da inizio al suo interrogatorio.
“Buon uomo, si alzi! Ho bisogno di porle alcune domande”
“Sono cinque monete d’oro, bel signore! Lei chiede io rispondo!” schiamazzi d’alcool.
“Facciamo che le porgo una moneta d’oro ed il permesso di restare ancora in queste terre, signore. Forse non si rende conto che sta parlando con il detective della zona” dice mostrando un tesserino cartaceo che dimostra il suo dire.
“Oh, signore, mi scusi! Chieda, chieda pure” si alza in un lampo togliendosi il berretto e scusandosi in un inchino.
“Mi hanno detto che ultimamente sono stato ritrovati cadaveri da queste parti. Sa darmi qualche spiegazione, mio caro?”
“Non so niente, signore! Due lune piene fa sono stati ritrovate cinque carcasse umane sparse lungo la sponda Est del fiume. Tutte senza testa, un vero obbrobrio!”
“Uomini, donne o bambini?”
“Uomini, mio signore! Tutti uomini! Ma le carni restanti erano tutte rosicate.”
“Come a nascondere il delitto.”
“Esatto, mio signore. Senza testa e con le membra rosicate. Sono stati gli unici ad essere stati ritrovati in quella maniera. Per quelli di prima solo ossa o maciullamenti vomitati. Un vero scempio, un vero disgusto.”
 “Capisco. C’è una solo una belva che può fare questo, lo sa John?”
“No, mio signore. Non credo di sapere.”
“Maiali.” Aldamacco spunta dalle siepi nella notte fonda.
“Esatto, amico mio. Maiali”
“Maiali?”
“I maiali sono gli unici animali che vivono nella quotidianità che sono in grado di mangiare veramente tutto quello che trovano sotto mano. Nei paesi dell’Ovest vengono usati spesso per far sparire tracce, prove, cadaveri o quel che sia. Sono veri e propri mangiatori di tutto. Ma come fa un uomo di qui a conoscere questa cosa?” chiede Aldamacco.
“Me lo stavo giusto appunto chiedendo. Ma questo potrà essere sicuramente una prova!”
“Una prova? Per indicare cosa?” chiede Aldamacco.
“Che il colpevole è un uomo dell’Ovest. Per conoscere questo particolare dei maiali deve avere sicuramente origini del genere; quindi o è un emigrato o un uomo di qui vissuto in quelle terre per chissà quale tempo. O, arrivando ad un ipotesi molto più improbabile…” dice Jona guardando l’amico.
“Cosa?”
“Un uomo dalle conoscenze ineguagliabili sulla fauna tanto da conoscerne ogni particolare; tipo uno sfascia carni!”
“Stai insinuando sia stato io?”
“Non penso saresti capace ma, in tutti i casi, non è un ipotesi da scartare. Direi che ai miei occhi, mio caro amico, tu sia un sospettato più che valido.”
“Tu sei pazzo!”
“O magari potrebbe essere, lei signor ubriacone!”
“Io? E di cosa sarei sospettato?”
“Gli omicidi commessi sono avvenuti sempre con la luna piena, nei posti più bui sempre accanto a carceri nascosti. Questo lato della sponda del fiume è famoso per le grotte sotterranee adibite a carceri comuni, non lo sapeva? Anni addietro queste lande venivano usate per far pascolare i maiali perché il terreno fangoso è talmente ricco di proteine che fu stabilito il luogo più idoneo a far pascolare i maiali. Con le carceri vicine, spesso i contadini s’imbattevano in carcasse morte per via delle frequenti colluttazioni che avvenivano tra galeotti e non tutti avevano la meglio; così, chi moriva veniva gettato nel fango e mangiato per sbaglio dalle bestie ma questo non tutti lo sapevano. Sulla sua mano destra ha un tatuaggio non indifferente il che significa due cose: o lei è un ex galeotto scampato a qualche guerriglia carceriera o, nell’ipotesi più fantasiosa, rilasciato per la fine della sua pena di questo luogo o di altri, o ha lavorato in un macello dove insieme alle bestie anche i lavoratori venivano tatuati in segno di riconoscimento. Qui ci sono solo due macelli; uno a Glasville e uno a Poluare e da questo punto esatto sono abbastanza lontane da raggiungere a piedi e non penso che un lavoratore di macello faccia tanta strada per venire ad ubriacarsi su un pontile dimenticato da Dio. Poi se vogliamo aggiungerci la storia degli omicidi che avvengono nei paraggi posso solo pensare che lei sia amante del macabro o che si trovasse di passaggio sul punto esatto dove la luna piena scorsa è stato trovato un cadavere vomitato. O sbaglio, signor… ?”
“Billie.”
“Billie Jakins, ex galeotto di Poluare accusato dell’omicidio di Vera Tholk e Cristopher Tyu nella tenuta di famiglia nelle terre di Nuova Scow. Mi corregga se può.”
Sgomento. Bravo il detective pensa John.
“Voleva continuare a fingere di essere un ubriaco ai piedi di un cipresso o potevo sperare in un suo auto smascheramento?”
“Lei è?”
“Jonathan Walker, detective di Nuova Scow in vacanza a casa mia.” Sorriso.
“Ho sentito parlare di lei.”
“Lo so molto bene signor Jakins. Io e il capo della sicurezza Pief eravamo addetti al suo caso a quel tempo; ho avuto modo di studiarla anche se lei non lo sa.”
“Ha fatto bene i compiti signor Walker.”
“La cosa che ancora non mi spiego è: Come mai è qui a Manville sotto il travestimento di un ubriaco?”
Gioco di sguardi tra i due signori.
“Chi la manda?”
“Il capo Pief. Sono stato condannato a dieci anni di reclusione di cinque di lavoro forzato e due al servizio dello stato. Ma saprà meglio di me che non tutte le accuse riescono a mantenere le condanne. Al mio terzo anno di reclusione, il capo Pief venne a farmi visita nella prigione di Nuova Scow per dei particolari sul caso Green.”
“Il caso Green? Ma quel caso è stato archiviato tempo prima. Io stesso insieme al capo Pief lo chiudemmo; il colpevole arrestato e condannato a morte e spero che l’Iddio non abbia avuto pietà della sua anima per nessuna ragione al mondo. Mostro abominevole.”
“Oh, certo! Condannato, morto e sepolto. Il commissariato di Nuova Scow non le ha fatto recapitare recenti notizie in merito?”
“Notizie? Sul caso Green? Che volete ci siano notizie s’ un morto? A meno che di un morto si stia parlando.”
“Lei ha l’occhio lungo. Mi permetta di accompagnarla presso la mia dimora; magari davanti a del buon vino ci si può raccapigliare qualcosa di più, non crede signor Walker?”
Silenzio. Jona fa cenno a John di seguirlo per capirne di più; Aldamacco sale in groppa al destriero del giovane e tutti insieme si dirigono in una casupola nascosta dai cipressi poco distante dal pontile.
E’ notte fonda ed in lontananza si odono civette e ululati con la brezza fredda che copre di rugiada i cipressi in dormiveglia.
 
“Arriviamo al dunque signor Jakins. In primo luogo ci sono una serie di domande che, come mia solita prassi, devo porle.”
“Mi dica signor Walker.”
“Chi le ha dato questo alloggio? Cosa ci fa qui e cosa c’entra il capo Pief in questa storia; soprattutto, perché il caso Green sembra essere stato riaperto?”
“Senza che lei me le ponesse ero già qui pronto a darle informazioni anche perché Pief mi aveva accennato che avrei potuto imbattermi in lei e il suo sagace naso. Le spiegherò brevemente:
Come ho già detto prima al mio terzo anno di reclusione, il capo Pief venne a farmi visita nella prigione di Nuova Scow per dei particolari sul caso Green e fu lì che il caso venne riaperto. Quando i coniugi Tyu furono uccisi, facevo parte di un gruppo di malavitosi che bazzicavano per le lande in cerca di fortuna e nel mio gruppo faceva spesso capolino un uomo con il viso sfregiato e l’aria tetra che ci dava soffiate in merito a case da depredare o bottini da trafugare e fu in quell’occasione che venimmo a conoscenza della casa dei Tyu e, quindi, a decidere di far fuori i signori e rubare l’impossibile. Ci disse il piano, ce lo illustrò su carta compreso di pianta dell’immobile e fu interessante notare con quanta cura ci desse particolare e di quanta discrezione usasse invece nel non volersi immischiare in ruberie come se volesse farci un piacere senza trarne vantaggi. La sera prima del giorno del colpaccio, si presentò con una bambina incappucciata, la figlia probabilmente.”
“Lisette…”
“Probabile. Occhi verdi e capelli biondi? S’è così, si, era lei. Le chiese di bussare alla porta dei Tyu e regalare loro un cofanetto laccato in oro accertandosi che il regalo finiva nelle loro mani e poi doveva allontanarsi canticchiando come una normale bambina felice del dono fatto. Fui l’unico a scorgere tutta la scena, non so dire se per fortuna o sfortuna. La cosa andò in quel mondo. Non diedi molta importanza; era uno svitato, uno strano davvero e quella sua faccia sfregiata era al quanto raccapricciante. La sera del colpo, per nostro stupore, trovammo la casa blindata con una serie d simboli dipinti sulle facciate della casa; ce ne fregammo e irrompemmo brutalmente. Trovammo i coniugi chiusi in una stanza a pregare per la buona sorte ma ce ne infischiammo; prendemmo lui e lo trucidammo, poi passammo a lei. I miei compagni la violentarono poi le legarono i polsi e la gettarono nel fiume e come ben sa il corpo fu ritrovato solo pochi giorni dopo nel lago dove sfociava, morta affogata. Mentre prendevamo il bottino qualcosa attirò la mia attenzione; su di un mobile agghindato un cofanetto d’oro laccato come quello che avevo veduto nelle mani di Lisette. Incuriosito lo aprii e dentro c’erano due occhi verdi ancora con brandelli di carne penzoloni. Schifato lo gettai a terra e sembrava come se mi stessero guardando dritto nelle palle dei miei occhi. Rabbrividii e mi paralizzai; fu per questo che sono stato arrestato. Qualcuno aveva chiamato la sicurezza del posto e mi presero sul tempo.”
“Un uomo ci urlò dalla porta del commissariato ciò che stava avvenendo per questo ci precipitammo; l’abitazione dei Tyu non era lontana, in un istante eravamo lì.”
“Qualcosa mi disse che quegl’occhi mi avevano stregato. Quando fui incarcerato feci una serie di ricerche tra i galeotti presenti; i Tyu avevano una figlia anni addietro, Giselle. Bionda, occhi verdi, bella da mozzare il fiato. Morì tragicamente in un incidente in carrozza mentre lasciava Glasville per raggiungere Nuova Scow. Non si è mai saputo molto sul conto dell’incidente e chi ne sa qualcosa in più, non ne parla facilmente. Dovevo corrompere un bel po’ di gentaglia per capirci qualcosa. Tempo dopo venni a sapere dell’arresto di Green e dei suoi misfatti. Prima di venir decapitato, passò due settimane nel nostro carcere sotto stretta sorveglianza. Nessuno lo aveva mai visto; sapevamo della sua presenza ma vederlo, beh, un’impresa per coraggiosi. Ma io dovevo vederlo, dovevo togliermi un po’ di dubbi così, il giorno della decapitazione, sgattaiolai per dei condotti sotterranei spuntando sotto una botola che dava sul campo mortuario. Quando alzai la testa lo vidi; l’uomo sfregiato chino sulla pietra maestra che attendeva il suo boia, carnefice del carnefice di se stesso. La cosa raccapricciante è che alzò lo sguardo e mi fissò, dritto negl’occhi. Quegl’occhi da pazzo che esplosero in una risata schizofrenica. Una risata durata pochi istanti tramortita dall’ascia del boia che gli ha fatto rotolare la testa davanti alla botola dov’ero nascosto. Non so come, ma quella testa era ancora viva; con la lingua zuppa del suo stesso sangue mi scrisse un simbolo. Sconcertato chiusi subito la botola e ritornai alla stanza del carcere. Mi ero cagato sotto nel vero senso della parola.”
“Che storia è mai questa! Per Dio!”
“Mandai a chiamare Pief, gli raccontai l’accaduto. Mi disse che non c’era da preoccuparsi; lui era morto, la figlia mandata all’ospedale per bambine abbandonate e che il tutto andava archiviato. Da allora sono passati tre anni. Dopodichè Pief venne a farmi visita e mi chiese di raccontargli di nuovo la storia; completa di particolari mi disse che quel simbolo che mi aveva scritto sul terreno era apparso sulle case di tutte le sue vittime compresa quella dei Tyu e che Lisette era scomparsa. Essendo l’unico a conoscere fatti reali e quelli sconosciuti, mi disse che in tutta questa storia c’erano troppi collegamenti scollegati che avevano bisogno di ricomporsi ed il caso è stato riaperto con priorità la figlia Lisette. In seguito abbiamo scoperto che l’uomo condannato non era effettivamente l’uomo giusto, il Green decapitato non era il Green assassino, ma il fratello gemello che lui stesso ha sfregiato per punizione quando tentò di violentargli la figlia la prima volta. Se l’avessi aiutato nel caso avrei ottenuto la riduzione della pena da dieci a cinque anni con solo obbligo di servizio verso lo stato. Se questo caso viene risolto, io sarei un uomo libero dedito al suo paese.”
“Mi sento così tradito dal mio partito; vorrei sapere il perché non sono stato messo al corrente dell’evento, signor Jakins.”
“Semplice, Walker; il piano era di non destar sospetti ed attirarla nella tana del lupo. Mi perdoni.” Ispettore Philipe, braccio destro del capo Pief.
“Il Capo Pief non voleva alzare polveroni inutili. Quanto meno si sa, meglio è per tutti. I tempi sono stati calcolati a dovere e poi, lei era stato congedato per un riposo più che doveroso, mi ha invitato l’ispettore capo a riferirle.”
“Oh, cielo! Philipe! Anche lei qui?”
“Le devo le mie scuse signore, era da un po’ che la stavo spiando; capirà il mio ruolo, non posso che rispettare gl’ordini.”
“Si, si! So come vanno le cose. Che sciocco sono stato. Con tutta questa storia mi duole il capo.”
“C’è un collegamento con la storia di questo Green ai morti che si stanno susseguendo a Manville?” chiede Aldamacco che per tutto il tempo è stato in silenzio ad ascoltare.
Philipe e Jakins si guardano; Jona interviene.
“Tranquilli, tranquilli! Di lui ci si può fidare.”
Philipe e Jakins ritornando a guardarsi, poi fanno un leggero accenno col capo verso Jona.
“Crediamo ci sia un collegamento.” Risponde Philipe.
“E da cosa lo deduce?” Chiede Aldamacco.
“Dalle decapitazioni e dall’uso del maiale per nascondere i corpi!” Risponde Jonathan.
“Come? E da cosa lo si dovrebbe dedurre?”
“In primo luogo, ragioniamo: se il capo Pief crede ci siano collegamenti uno di questi è senz’altro la decapitazione del finto Green e le decapitazioni attuali. A Nuova Scow, accanto al carcere, sorgevano fattorie di contadini emigranti. Le tecniche di allevamento sono su per giù le stesse se poi ci apporti modifiche lo fai solo se hai in te due consapevolezze differenti e quindi sei in grado di unirle. Quando Green fu decapitato ci fu la questione del cadavere; sotterrarlo e darlo in pasto ai vermi o… in pasto? Ma si! Diamolo in pasto ai maiali!”
“Oh, si, certo! Ricordo la questione.” Dice Philipe guardando estasiato Jona.
“Ma agl’uomini di religione sembrò troppo inopportuno far sparire un corpo in questo modo, quindi si decise per sotterrare il corpo in una campagna desolata a poche miglia da Nuova Scow. Il dottor Merendille si occupò delle pratiche mortuarie. La testa di Green, anche se ora mi sovviene da dire, il falso Green, fu riattaccata al corpo con grande maestria. Il dottore sa il fatto suo quando si tratta di curare i morti il che è un po’ strano dato che dovrebbe curare i vivi. Una volta sotterrato, fu emesso un emendamento per tutta la città; il divieto ad allevare maiali a fine di lucro o tutto ciò che non era concerne alla semplice attività di allevamento per la tavola ed al palato. Per questo nel corso degl’anni si è persa questa conoscenza in proposito. Quindi, analizzando un po’ la questione, i due indizi sono collegabili al caso Green.”
“Lei è brillante, signor Walker!” Gl’occhi di Philipe luccicano per il suo beniamino.
“Quindi, se diamo per esatte tali teorie…” Irrompe Aldamacco.
“Il vero Green è ancora vivo.” Risponde il signor Jakins.
“Bene. Dunque, miei cari, mi giunge al cervello un solo pensiero; nel momento in cui il caso Green è stato riaperto, non ci resta che metterci al lavoro per concluderlo del tutto. Non crede John?”
“Oh, si signore! Non si dimentichi, però, il pranzo con il signorino Maxime l’indomani.” Dice ponendo il soprabito sulle spalle di Walker.
“Giusto, John, giusto. Come farei senza di lei.”
Si congedano e fanno ritorno alle loro case. 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento