username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

24 ottobre alle ore 16:14

Let Us toast to your Shed Blood

Il racconto

Qualcuno cantò di un amore spezzato,
qualcuno osò spezzarsi per esso.
Il grande demone celeste rese illusori i suoi sogni,
ma qualcuno osò accarezzarli e romperli.

Quando guardavo quel sogno allontanarsi,
solo i tuoi occhi si permisero di avere pietà.
Ululando alla luna come un fottuto cane,
cercai di afferrare le zanne di quel dolore 
per renderlo più vero.

Brindiamo al tuo sangue versato,
amore,
brindiamo alla vanità che incendia il macabro desiderio di vendetta.

Qualcuno cantò di un amore spezzato,
qualcuno osò spezzarsi per esso.
Il grande demone celeste rese illusori i suoi sogni,
ma qualcuno osò accarezzarli e romperli.

Alzai la mano al cielo,
indicando dio per i miei peccati.
Urlai contro il vino
quando ubriaco ti cercavo nel mio letto.
Maledii me stesso per averti voluto tanto
ma amore,
muori lentamente in questa valle di noi.

Brindiamo al tuo sangue versato,
amore,
brindiamo alla vanità che incendia il macabro desiderio di vendetta.

Urlai il tuo nome,
ammazzami amore...

ammazzami amore...

Commenti
  • Luciano Ronchetti Voglio commentare questa bellissima poesia attraverso i versi finali di una grande canzone, "The End", interpretata dai Doors. Secondo me fanno il paio e calzano a pennello con la poesia suddetta (spero non me ne voglia l'autrice!). "Questa è la fine, meravigliosa amica/ Questa è la fine, la mia unica amica, la fine dei nostri studiati progetti/ La fine di tutto ciò che vive, la fine/nessuna salvezza, nessuna sorpresa, la fine./Non guarderò mai più nei tuoi occhi./Riesci ad immaginare quel che sarà/così senza limiti e libero, disperatamente in cerca della mano/di qualche sconosciuto in una terra disperata... (da: "The End", Doors, 1967).

    24 ottobre alle ore 17:14


  • Daniela Iodice Ahahahahah ti ringrazio tanto Luciano!

    25 ottobre alle ore 14:38


Accedi o registrati per lasciare un commento