username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emanuele Marcuccio

in archivio dal 02 feb 2009

10 gennaio 1974, Palermo - Italia

segni particolari:
Autore del dramma epico in versi «Ingólf Arnarson» (2017) di ambientazione islandese e medievale e di 4 sillogi: tre di poesia «Per una strada» (2009); «Anima di Poesia» (2014); «Visione» (2016) e una di aforismi «Pensieri Minimi e Massime» (2012). Dal 2010 sono anche curatore editoriale free lance.

mi descrivo così:
Scrivo poesie e aforismi. Sono anche curatore editoriale free lance, a mia cura finora sono edite varie sillogi di poesia e antologie, di alcuni volumi ho scritto anche la prefazione. Sono ideatore e curatore del progetto poetico "Dipthycha" del quale sono finora editi tre volumi a scopo benefico.

05 agosto 2009

Per una strada

di Emanuele Marcuccio

editore: SBC Edizioni

pagine: 100

prezzo: 12,00 €

Acquista `Per una strada`!Acquista!

“Per una strada” è una raccolta di poesie, scritte tra il 1990 e il 2006, che racchiudono vari elementi, emozionali ed esteriori, che spaziano su vari argomenti: dalla vita alle emozioni, dalla cronaca alla storia.
Emanuele Marcuccio attua, nei suoi versi, un’analisi tematica innovativa e vasta. E’ attento alla descrizione delle emozioni, che affiorano attraverso un’accurata analisi delle parole e delle espressioni, che risultano ricercate, musicali, a volte classicheggianti.
Interpone il suo punto vista a quello della storia o della cronaca in componimenti che prendono spunto da personaggi o ragioni storiche di varia natura: troviamo Annibale, Seneca, Ulisse – personalità che hanno rappresentato, con pensieri e azioni, le tante sfaccettature dell’Umanità.
Marcuccio ci appare come un maturo conoscitore dell’animo umano, e - come un pittore ritrae le sue tele ammirando il paesaggio - egli dipinge i suoi versi ricercando dentro di sé gli elementi che compongono la natura umana, collocandoli nell’armonia del mondo con liricità e pathos.

recensione di Annalisa Stamegna

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento