username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Lo Bue

in archivio dal 05 mar 2011

Lercara Friddi - Italia

16 maggio alle ore 9:23

Alla morte della madre

per le madri morte di coronavirus....

E dissero no quando arrivò la morte della Madre.
Voleva essere solo lei,
materia piccola e oscura
nel respiro sacro della dipartita eterna.
Erompeva il sacrificio estremo della Madre abbattuta,
per i corridoi bianchi dello sconforto
si affrettavano tacchettando
mentre prevaleva la loro rappresentazione.
Scena di congiura, truffa e pena,
per allontanarmi dal risveglio petreo della Madre.
si parlava , si  espiava,
allontanavano i miei passi dal cuore ansimante e livido,
dal calore della mano inerte,
dall’aria dolce delle parole ultime
che sfumavano nell’aria vorace
verso ruote di causalità e giustizia.
Dove ti sei allontanata senza un ultimo segnale,
senza un enigmatico cenno di speranza?
Cadevi.
Cadevi nella pietra perenne
senza la croce delle mie dita tremanti.

Sono pietre aguzze.
Si disperdono dal centro della giustizia,
fuggono dalle mura sottili degli Angeli della pace.
 
 
A la muerte de la madre

Dijeron no, cuando llegó la muerte de la Madre.
Quería ser solo ellos,
pequeña materia oscura cuando
el respirar sagrado llamaba para el traspaso eterno.
Era el sacrificio extremo de la Madre abatida,
por los corredores blancos de la Casa de la Enfermedad
se agitaban y apuraban taconeando
mientras resaltaban las muecas de la representación.
Escena de conjura, trampa y pena,
para alejarme del despertar pétreo de la Madre.
Hablaban y espiaban,
alejaban mis pasos de su corazón jadeante y lívido
del calor de su mano ya inerte,
del aire tierno de las palabras últimas
que esfumaban en el aire voraz
hacia ruedas de causalidad y justicia.
¿Dónde te alejaste sin un señal último,
sin un enigmático signo de esperanza.

Son piedras agudas.
Se dispersan del centro de la Justicia,
huyen de las murallas sutiles de los ángeles de la paz.

Commenti
  • Nicolò Rempiccia Bellissima poesia, chiaramente introspettiva, mai più attuale che in questo momento. Sembra emanare un dolce dolore

    18 maggio alle ore 9:23


Accedi o registrati per lasciare un commento