username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Lo Bue

in archivio dal 05 mar 2011

Lercara Friddi - Italia

19 aprile 2013 alle ore 15:47

Coppa che sogna

Càliz que sueña

Por Roma pasò, Roma olvidò, 
en olvido yace, al olvido lleva,
al olvido que aguarda entre amapolas amarillas...
misterio de brumas nuevas.
El pasado obsesionado sueña...

Agujereas el tiempo blanco.
Cantos hieràticos sostienen tu mensaje remoto,
Roma, unicidad que se queda,
voz sola del tiempo 
Roma, piedra dibujada, piedra herida.

Copa de espejo inmòvil,
en la paz de tu agua gris llama una llave roja.
El abismo de tu onda quieta se desvanece en un fuego de silencio.

Coppa che sogna

Da Roma è passato, Roma ha già dimenticato.
Giace in oblio, all’oblio porta,
all’oblio che aspetta fra gialli papaveri.
Mistero di brume nuove.
Il passato ossessivo sogna...

Incidi il tempo bianco.
canti ieratici sostengono il tuo messaggio remoto,
Roma, unicità  che  rimani.
Voce sola del tempo, 
Roma, pietra disegnata, pietra ferita.

Coppa di specchio immobile,
nella tua pace d’acqua chiama una chiave rossa,
dal tuo abisso e dalla tua onda quieta
che svanisce in un fuoco di silenzio.

Francesca Lo Bue
Da “Moiras” Ed. Scienze e lettere –Roma 2013 – pagg.62,63.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento