username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Lo Bue

in archivio dal 05 mar 2011

Lercara Friddi - Italia

27 gennaio alle ore 15:11

Gli uomini residui (Los hombres residuos). Per il giorno della memoria 2020.

Gli uomini residui

Giacimenti, scavi, greti bruniti,
gallerie di labirinti,
in croce, in pietra aperti.
Fremono gli angeli interrati e sono rossi gli araldi rauchi.
Le grida sono ghiaccio di carbone e vetri infranti;
chiamano l’oro, aspettano l’oro.
Vibrano le acque rosse e le radici della disperazione,
croci di legno e rene fosche.
S’aggrinziscono nelle brezze congelate
e cadono in cristalli di empietà e pallore.
Angeli pietrificati in pianto
sono lì nei muschi tenebrosi della terra.
Cercano un anima per coniare effigi vive,
vogliono fertilità, il debito del sangue e delle ossa infrante.
Vogliono essere radice,
vogliono essere alberi,
sono ombre che chiamano il sole.
Vogliono arrivare al cielo
scavando nell’argento della luna.

Los hombres residuos

Yacimientos, excavaciones, zanjas labradas.
Terraplenes y galerías, abiertas, en cruz. Es piedra.
Arden con los ángeles enterrados y son rojos los heraldos roncos.
Los gritos son hielo de carbón y de vidrios despedazados;
llaman el oro, esperan el oro negro.
Vibran las aguas rojas y las raíces de la desesperanza,
cruces de palo y arenas hoscas.
Se erizan en las brisas congeladas
y caen, caen cristales de pavor, impiedad y palidez.
Ángeles petrificados en llanto
están ahí en el musgo tenebroso de la tierra.
Buscan un alma, para acuñar efigies vivas
Quieren fertilidad, la deuda de la sangre y de los huesos quebrados.
Quieren ser raíz,
quieren ser árboles,
son sombras que llaman el sol.
Quieren llegar al cielo,
bucean en la plata de la luna.

Commenti
  • Nicolò Rempiccia Bellissima poesia molto toccante e metaforica. Mai più adatta per una ricorrenza così triste.

    27 gennaio alle ore 15:49


  • Anna Maria Conti Mentre leggevo la poesia pensavo: ma per la poetessa chi sono questi uomini residui? Mi sembra che pensasse a tutti i diseredati, a tutti gli umiliati e offesi. È una poesia molto lirica, densa di senso di riscatto. Questi uomini, come moderni titani, vogliono arrivare al sole.

    26 febbraio alle ore 8:00


Accedi o registrati per lasciare un commento