username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Frank Pilato

in archivio dal 20 ott 2019

Scandicci - Italia

20 ottobre alle ore 0:53

Venezia

Il racconto

Episodi...
Qualche giorno fa ho deciso di visitare Venezia in cerca del mio caro amico Paolo Volpato distante haimè circa 1100 km.
Ho sempre amato Venezia e per la prima volta mi sono concesso un giro in gondola al tramonto: meraviglioso, avrei preferito con il Prof. ma la vita mi ha insegnato che bisogna accontentarsi.
Si fa tardi e cerco un buon ristorante in zona San Marco, me ne consigliano uno che è proprio in piazza.
Wow, c'è anche una band con repertorio jazz.
Mi siedo e guardandomi intorno, ordino il primo: una vera delizia.
Ad un certo punto le mie orecchie vengono assalite dai discorsi acefali provenienti da una una coppia che dista circa 1 metro e mezzo dal mio tavolo.
Il nador in questione, fa notare alla compagna come fosse ingrassata nell'ultimo anno e indica lei cosa debba mangiare.
A prescindere dal fatto che l'obeso è lui, lei lo lascia ordinare, e noto con dispiacere un certo senso di colpa nel suo sguardo. Noi artisti vediamo qualcosa in più dell'uomo normale: sentiamo, e ‘ascoltiamo’ i volti.
Spesso vorrei essere sordo per non sentire più le puttanate e limitarmi ad ascoltare i volti, ma questa è un'altra storia.
Ad ogni modo non appena mi arriva il secondo, il ragazzo inizia un'altra volta: "hai un culo enorme, i buchi nelle gambe ( che non so cosa siano ) e mi guarda con spocchia di quello che:" hey man, visto?".
A quel punto faccio notare al cameriere che quel tavolo non è di mio gradimento e che voglio essere spostato.
Senza battere ciglio obbedisce, visto anche il conto che mi propinerà di lì a breve...!
La band è brava e io come ormai raramente mi concedo, sono totalmente ubriaco.
Si fa tardi, la band non c'è più ed è giunto il momento di tornare in Hotel.
Ordino un Aultmore Scotch Whisky (ebbene sì ce l'hanno) e chiedo il conto; sorridendo, noto con stupore un coperto in più.
Striscio la carta pensando che ormai tutto è un mercato, sentimenti e corpi inclusi.
Appizzo Allan Holdsworth nel lettore mp3 e mi incammino...
Tutto questo per dire...

"ragazze, sceglieteveli bene i compagni e non siate egoiste, perchè un giorno uno sconosciuto seduto accanto a voi, potrebbe pagare un coperto in più pur di non sentire le puttanate del vostro "amore".

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento