username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Gaetano Barreca

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Gaetano Barreca

  • 19 dicembre 2011 alle ore 23:49
    Voce dal campo di concentramento dell'anime

    Voce dal campo di concentramento delle anime.

    Ai visionari come noi, domando ancora:

    Siamo nati nell’epoca giusta?

    O la nostra follia, le nostre anime, i sentimenti, il sapere

    sono così avanti con i tempi

    che spetta proprio a noi cambiare il destino triste delle persone?

    Essere testimoni della purezza dei nostri sentimenti, del nostro essere.

    Far capire che essere diversi, per noi,

    non vuol dire nulla.

    Se fosse davvero possibile essere testimoni,

    tutte le sofferenze patite

    avrebbero un senso in fin dei conti.

    Capirei, godendo del presente,

    che i miei dolori, gli squarci dell’anima,

    non sono stati inutili.

     
     

  • 19 dicembre 2011 alle ore 23:48
    Inquietudini di cera (le ali di Icaro)

    Estenuata vittima di un malessere indotto

    congegno il mio essere al suo esodo.

    Effimere ali di cera

    atte a ritirarsi dalla realtà ostile.

    Logorato precipito a terra.

    Ad ogni sforzo vano,

    sebbene le ferite,

    ne plasmo di nuove.

    La fiamma delle candele consumate,

    scandisce il tempo della mia ostinazione,

    consapevole che un giorno riuscirò a volare.

     
     

  • 19 dicembre 2011 alle ore 23:47
    Cammini

    Ricordare con gioia ciò che è stato.

    Ricordando non si deve soffrire,

    anche se una dolce malinconia ci struggerà.

    I cammini delle persone sono tanti,

    le strade s’incrociano, si sfiorano e si scontrano,

    si ritrovano e si perdono.

    Ognuno di noi è unico ed ogni incontro,

    per quanto possa durare, è speciale.

    Dobbiamo cogliere questo,

    apprezzarlo e conservarlo dentro di noi.

     
     

  • 19 dicembre 2011 alle ore 23:46
    Ispirazione e provocazione di un sentimento

    Erato...

    non son forse parole d'amore quelle che ispiri?

    Poeti...

    che folli danzano i loro inchiostri al suono della tua Lira.

    Amore...

    che a volte e' tempo perso.

    Tempo illuso. Passione infranta.

    Sogno.

    Struggente speranza nel cercare un riflesso al proprio Essere.

    Sentimento,

    che comprenda l'Essenza della propria anima donandone il corpo.

    Squallido!

    Parole ispirate da una musa che induce debolezza all'affidamento di un sentimento.

    Beffardo.

    Provocazione esemplare di dolore, amore, stupore... idiozia!

    Scrivo.

    Accetto di ascoltarti solo per comprenderne il fine.

    Vivo.

    L'amore piu' grande e' quello per se stessi.

    Capisco.

    Il resto, e' condivisione del proprio sentimento.

    Che meraviglia!

     
     

  • 19 dicembre 2011 alle ore 23:45
    Amor Eterno

    Sveglia,
    Supina sul letto disfatto, ti osservo.

    Sedotta,
    Catturata dal tuo odore
    Arde sublime il sentimento.

    Delicata,
    Come un petalo di rosa
    Adagio la mano, al tuo seno.

    Io,
    Amazzone trafitta dal dardo di Cupido.

    Vivendo amo,
    Non importa se per sempre.

    L'amore non muore mai.