username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 mar 2015

Giuseppe Navas

07 marzo 1928, Napoli - Italia
Segni particolari: Cav. di Gr. Croce 

elementi per pagina
  • 03 marzo 2015 alle ore 16:59
    BUONA FORTUNA

    Io sono innammorato della luna,
    perciò le vengo a fare le serenate;
    cosa volete voi, fanciulla bruna,
    che sempre alla finestra v‘affacciate ?
    La luna non è furba : è capricciosa;
    la luna non si vende né si sposa :
    di sera m’accompagna, m’è fedele,
    ma non è come voi, falsa e crudele.
    Perciò vi pianto, buona fortuna,
    a Voi non canto, canto alla luna !!
     
     

     
  • 03 marzo 2015 alle ore 16:57
    MALINCONIA

    Andava la mia barca in alto mare,
    coi remi a prua e con le vele al vento;
    rischiai la vita mia per ……arrancare,
    per trarre una ragazza in salvamento;
    e quando sulla riva la portai
    d’amore e di pietà  m’innammorai.
    E da quel giorno non l’ho più veduta :
    mentre che l’ho salvata….l’ho perduta.
    E  da quel giorno, ahimè, la barca mia
    Porta per nome sol : MALINCONIA!
     

     
  • 03 marzo 2015 alle ore 16:54
    DELUSIONE

    Il cuore delle donne è un mandarino,
    e chi lo sbuccia è sempre il primo amore;
    poi, man mano, lo spicchio, ogni tantino,
    lo fa’ assaggiare ad ogni adulatore :
    siccome che di spicchi ne son tanti
    lei si può dirvetir coi suoi…..cascanti,
    e l’ultimo che resta, che gran cosa,
    lo dona a quel…..”cretino” che la sposa.
    Se amor vi cruccia, o miei giovanottini,
    occhio alle bucce dei bei….mandarini.
     

     
  • 03 marzo 2015 alle ore 16:43
    'A MAMMA

    Arapeme sti bracce : io voglio chiagnere
    Ncopp’a stu pietto tuio ca m’ha allattato !
    Dinto a sti mmane ‘a faccia aggia annasconnere
    Ca m’hanno accarezzato !
     
    Ncopp’a sta spalla ca me po’ surrejere
    Tu lasseme appuja’ nu pucurillo,
    comme facive, e me purtavi nzuocolo
    quenn’ero piccirillo!
     
    E piccerella è rumanuta st’anema
    Ca s’è guardata attuorno e nun ha visto
    Ca cchiu tu cride ‘a ggente e chiu t’engannano
    E ca stu munno è triste !
     
    Arapame sti’ bbracce! A lloro tornano
    Tutt”e penziere miei : Mamma mia bella !
    Cu’o raggio ‘e ll’uocchie, mamma mia, tu guardame
    Chiaro comm’’a ‘na stella.
     
    Vasame nfaccia, e nun te piglià collera !
    Mo’ so turnato a te, mo so’ felice !
    ‘a ggente parla ? e falla parlà ‘a schiovere !
    Chello ca dice dice.
     
    Si, si ! stong cu te ! Si,si cuntentate!
    Rideme sempe cu sta’ vocca doce !
    Me sape cunzulà meglio ‘e nu balzamo
    ‘o suone ‘e chesta voce!
     
    L’ammore ‘e mamma, tuttuquanto ‘o diceno,
    è ‘o ver’ammore, è chillo ca nun more!...
    vien’’acca, vien’’acca…..sti ccose passano !
    rieste tu sola dint’a chistu core.