username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Linda Landi

in archivio dal 09 gen 2013

27 maggio 1965, Battipaglia (SA) - Italia

mi descrivo così:
Da quando il mio cuore canta
Ridatemi il sole 
Che avevo dentro me 
Ridatemi il sole 
Che piove dentro me
Mi sa da almeno vent'anni.
La foto dove sorrido è del gennaio 2010.
Per i miei racconti di fantasia rubo una recente (2019) didascalia da una maglietta:
I don't insult people.
I describe them.
Stay.

11 luglio alle ore 6:25

L'inganno del diavolo

Intro: Trilogia del diavolo, parte terza. Segue "Mi dicevano che ero troppo sensibile" (parte seconda) e "Il diavolo, il 1964, Comunione e Liberazione ed io" (parte prima)

Il racconto

L'inganno del diavolo ovvero Le Streghe di Eastwick

Il Signore ci manda sempre degli avvertimenti. Questo è l'ultimo della serie.
Nel senso è ultimo che ho riconosciuto come avvertimento.

Le streghe di Eastwick.
Prima metà del novembre 1987.
Con uil gruppo del sabato sera ci ritroviamo a Salerno.
Mi offrono due alternative al cinema:
1) I miei primi quarant'anni;
2) Le Streghe di Eastwick.

Non c'è storia. Pur non entusiasta, spingo tutti verso Le streghe di Eastwick.
Daryl Van Horne, quell'uomo anche brutto, volgarotto, maleducato, dapprima disprezzato ( “… e per di più puzza!”, gli dice una delle tre donne quando, come lui ha chiesto, gli spiega perché non gli piace) e che poi invece si impone nella vita delle tre protagoniste.

Fino a quando le tre donne capiscono chi è quell'uomo così affascinante che ti legge dentro e che sembra saperti valorizzare.
Lo capiscono e decidono di prendere contromisure solo dopo che c'è una vittima.
Una vittima che era l'unica a non fidarsi ed a mettere esplicitamente in guardia contro quell'uomo. Una donna che diceva al marito: "Non te ne importa niente? Quelle donne daranno alla luce i suoi figli che saranno liberi di andare per il mondo!"
Lo capiscono dopo la morte, cruenta, di questa donna, l'unica persona che non si era fatta abbindolare.
 
Se ne liberano, però prova a tornare e da uno schermo chiama i suoi bambini, ancora nel girello, che stanno per lasciarsi affascinare. Arrivano le tre streghe e spengono lo schermo.
Loro ci sono riuscite a sottrarre i figli dalla sua influenza.
Loro.
 
Quando uscimmo dal cinema il più anziano del gruppo andò in cerca di una cabina telefonica. Al ritorno ci confermò che era stato eletto presidente del consorzio ecc. e gli amici lo reclamavano per andare a festeggiare.
"Vuoi venire anche tu?", mi chiese.
Era un'investitura. Un'investitura che non intendevo accettare e risposi: <<No, grazie. E' la tua serata, sarei di troppo.>>
Era il terzo mio concittadino nel giro di nemmeno un mese che manifestava interesse nei miei confronti e mi ritrovai a pensare: "Ma si sono accorti tutti adesso che esisto?! Il prossimo che si presenta non so dove lo faccio arrivare!"
Ed il prossimo che si presentò (una, due settimane dopo?) era uno che veniva da fuori. Come Daryl.
Brutto, come Daryl.
Inelegante e inopportuno, come Daryl.
 
E puzzava. Come Daryl.

Ora puzzo io.
Ha ottenuto il suo scopo.

26 maggio 2020

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento