username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mario Vassalle

in archivio dal 01 dic 2011

26 maggio 1928, Viareggio - Italia

mi descrivo così:
Sono un professore di Fisiologia e Farmacologia ora Emerito presso la State University of New York, Downstate Medical Center. La mia ricerca scientifica è  sui fenomeni elettrici del cuore. Inoltre, ho scritto 5 libri di poesie, 6 di aforismi e 2 di saggi filosofici.

27 febbraio 2012 alle ore 12:04

Sintesi

di Mario Vassalle

editore: Gruppo Albatros Il Filo

pagine: 395

prezzo: 17,50 €

Acquista `Sintesi`!Acquista!

“Sintesi” è un volume di quasi quattrocento pagine che sin dal primo impatto ci riporta al vero senso del termine (ossia il risultato di tesi + antitesi e non, come siamo abituati ad usarlo, “qualcosa di breve”): è una visione di insieme che l’autore, di nascita viareggina e laurea pisana, oggi Professore Emerito di Fisiologia e Farmacologia alla State University of New York, ci propone. Visione d’insieme di cosa? Dell’uomo, signori miei. L’ambizioso fine è analizzare la realtà umana come se fosse un cuore pulsante, ricco di arterie, movimenti meccanici e fenomeni elettrici, così come l’autore lo studia nel Downstate Medical Center.
“Sintesi” è un saggio che porta avanti un lungo e composito ragionamento secondo la sempre valida tecnica aristotelica dell’induzione, ossia dagli “oggetti singoli” (per Aristotele erano i sillogisimi, per Vassalle sono i suoi aforismi) risale lungo la china dell’“universale”.
L’uomo di scienza parte dall’ipotesi che “vi sia un’organizzazione strategica che inquadri e dia un significato ai vari aspetti della vita” e, data per assodata la perfezione del corpo umano, che già conosce, indaga con metodo scientifico quelle che abitualmente consideriamo “imperfezioni” irrazionali della mente, come sentimenti e affettività, passando per senso del tempo e dello spazio, memoria, meccanismi della logica e perfino il caso…
La scrittura è piacevole e piuttosto agile, affascinante perché indaga la mente come se fosse regolata da leggi precise e osservabili, ma porta a risultati tutt’altro che aridi. Quali sono, ad esempio, le relazioni tra le molecole e le percezioni della mente? La mente influenza quello che si percepisce o quello che si è percepito influenza la mente? E come si colloca Dio in tutto questo?

“Il genere umano è il gioiello della creazione divina. Questo gli dà grandi privilegi e allo tesso tempo un’altrettanto grande responsabilità. Quello che ci fa speciali (…) è la mente con la sua capacità di pensare, di sentire, di immaginare e di interagire tra le varie menti (…). Sono i nostri lati positivi e negativi che ci fanno essere umani. Ma si diventa meno umani se prevale un termine dell’equazione”. (Mario Vassalle)

recensione di Cristina Mosca

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento