username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mario Vassalle

in archivio dal 01 dic 2011

26 maggio 1928, Viareggio - Italia

mi descrivo così:
Sono un professore di Fisiologia e Farmacologia ora Emerito presso la State University of New York, Downstate Medical Center. La mia ricerca scientifica è  sui fenomeni elettrici del cuore. Inoltre, ho scritto 5 libri di poesie, 6 di aforismi e 2 di saggi filosofici.

01 dicembre 2011 alle ore 20:00

La luna di giorno

Ti vedo spersa
nell'acuto
azzurro
del cielo,
un pallido
disco
biancastro,
anonimo
e senza vita.
L'aspra luce
del sole
t'illumina
tutta,
ma non splendi.
Eppure,
tu sei
la stessa luna
che ieri sera,
chiara
nel buio
della notte,
facevi
dei sogni
la tua realtà.
Forse perché
non illumini
ma rischiari.
Tu non crei
luci ed ombre,
ma penombre
diafane
dove
si può sognare
liberi
dai confini
del vero.
Nell'abbandono
della notte
immobile
fai trovare
me stesso.
Non so se
il meglio di me,
ma certo quello
che vi è
di più intimo
e caro.

Da "Emozioni Perdute" 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento