username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Paolo Coiro

in archivio dal 19 nov 2005

30 maggio 1983, Formia (LT)

segni particolari:
Redattore di Aphorism dal 2001 e Caporedattore dal 2011.

mi descrivo così:
Sono un libero professionista del web. Adoro leggere, viaggiare e conoscere nuove persone e i loro pensieri sulla vita. Mi piacciono le cose genuine e sincere, come il vino rosso e la campagna.

01 ottobre alle ore 22:55

E allora faccio un figlio...

C’è gente che fa figli
perché così si fa.

C’è gente che fa figli
perché l’ha fatto la sorella.

C’è gente che fa figli
per non lasciare ai nipoti l’eredità.

C’è gente che fa figli
perché su Instagram van di moda
le fiche col pancione.

E allora faccio un figlio,
per vedere come va!

C’è gente che fa figli
perché sono conigli.

C’è gente che fa figli
perché “Io non ce l’ho fatta,
ma lui ce la farà!”

C’è gente che fa figli
per dare un senso alla sua vita.

C’è gente che fa figli
perché “dai, non ti fermare!”

C’è gente che fa figli
per avere un bastone alla vecchiaia.

E allora faccio un figlio
per vedere come va!
Magari è proprio uguale
alla pubblicità!

C’è gente che fa figli
per aggiornare
lo stato di whatsapp.

C’è gente che fa figli
per testare quell’app
che ti segue nella gravidanza.

C’è gente che fa figli
perché la foto con la panza
sono minino 100 MI PIACE.

C’è gente che fa figli
per andare al parco alla domenica.

C’è gente che fa figli
perché fa il contadino
(e qui ci sta!)

E allora faccio un figlio
per vedere come va!
Magari è proprio uguale
alla pubblicità!

Qualche notte insonne,
ma poi cresce da sé.
Dal biberon col latte
al tavolo col narghilè.

Stanotte ho fatto un figlio,
l’ho fatto perché amo te.
“È tutto il suo papà!”
Dopo appena un mese:
“Spero tanto, che non diventi come te...”

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento