username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

25 gennaio 2016 alle ore 15:53

Come tutte le sere

Il solito modo di poggiar pensieri
dove il cuore e la mente smarriti
cedono il posto all’origine della vita
come da altri mondi lezione arriva.
 
La nostra abitudine sottile e palese
di cullarci il giorno sfinito e passato
nella sublime cornice del cedere
ove fiorisce la nostra passione.
 
Forse che le nostre divine essenze
parlano ed imparano, fanno all’amore
e dove leggiadre energie si baciano
mi accorgo di danze e tuoni di vita.

Raffaele di Ianni

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento