username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

22 agosto 2020 alle ore 22:27

La ricerca

Non so distinguere foglie
o contare granelli di sale
ho perso il mare, la voce
eppur stringo una visione,

disteso all'ombra della notte
abbracciato il canto d'una formica
e l'assolo del vento pronto al parto

non lontano il sole ed il maestro
veleggiava sul colle, solitario
batteva colpi sul suo cuore

ed i piedi colmi d'esperienza
le tempie piene di fronde
la notte passeggiata, lontana

ora solo i nuovi sorrisi
un silenzio d'oro e luce
si rinasce poco dopo l'alba
e l'anima si sdraia,
riposata e novella. 

Raffaele Prem Kranti Vartan

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento